facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Sognare è Vivere

06/03/2017 10:00

Samantha Ruboni

Recensione Film,

Sognare è Vivere

La storia di un nazione e di una donna, vista dagli occhi di suo figlio Amos Oz

41311-.jpeg

La storia di una donna, forte, ostinata e sognatrice. Ma sopratutto di una madre: la madre dello scrittore Amos Oz. Da narratore Amos scruta e descrive una donna magica, capace di trasformare tutto in una storia fantastica. Tra un matrimonio infelice e la noia della quotidianità, Fania (Natalie Portman) vuole molto di più. Con la sua storia si sviluppa anche quella di una nazione: l'indipendenza dello stato di Israele. Un'indipendenza che può deludere.


Basato sul best seller del 2004 di Amos Oz, Una storia di amore e tenebra, quello che vediamo sullo schermo è la nascita di uno scrittore che, ancora in giovane età, deve riempire il vuoto dato dalla perdita della madre. Una madre molto speciale, una personalità sensibile e intellettuale, con un amore per la cultura e per il libri, che faranno diventare il piccolo Amos lo scrittore di fama mondiale che tutti noi conosciamo, influenzando il suo stile e il suo modo di narrare. Sognare è Vivere è un romanzo di formazione, ma descriverlo come tale sarebbe superficiale: la storia di un ragazzo che sta crescendo e la storia di una nazione, attraverso il racconto di una donna unica. Una madre che, prima di andare a dormire, narrava al figlio di mondi magici ed esotici, senza l'aiuto della carta stampata ma solo grazie alla sua immaginazione. Una donna che doveva lottare contro il gap generazionale con la suocera, che criticava ogni sua mossa davanti al marito. Una donna piena di sogni e di speranze, innamorata della poesia e della cultura, schiacciata dalla noia e da una nazione che la delude ogni giorno sempre di più. Tutto ciò fa sprofondare Fania in un baratro da cui non riesce più a rialzarsi. Ormai senza speranze e sogni, nemmeno il figlio può risollevarla.


Con il suo esordio alla regia, Natalie Portman ci porta all'interno dell'animo di una donna forte ma sensibile. L'attrice/regista usa la macchina da presa come un pennello: una regia lieve ed elegante, di grandi e simbolici contrasti cromatici. La fotografia cambia come cambia lo stato d'animo di Fania e si fa sempre più tetra con il passare del tempo: i toni del blu e del verde sono dedicati a Gerusalemme; i toni accesi raccontano le vicende familiari; le storie raccontate da Fania hanno atmosfere oniriche. Natalie Portman non delude né da regista né da attrice: con l'eleganza interpretativa che la contraddistingue, riesce magistralmente a entrare nell'animo di Fania. Una nota di merito va anche al piccolo Amos, l'esordiente Amir Tessler.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder