facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il grande spirito

05/07/2019 10:00

Samantha Ruboni

Recensione Film,

Il grande spirito

Un'amicizia tra outsiders sui tetti di Taranto

46531-.jpeg

Tonino (Sergio Rubini) è un malvivente di vecchia data che, in passato, ha fatto uno sgarro e da allora nessuno più si fida di lui: durante una rapina, infatti, ha deciso di tradire la sua banda, scappando con il malloppo. Per nascondersi dai suoi vecchi compari, fugge per i tetti di Taranto e s'imbatte in Renato (Rocco Papaleo), che si fa chiamare Cervo Nero. I due impareranno a conoscersi e di conseguenza a cambiare in meglio. Una commedia melanconica, che parla di malvivenza, ma anche di malattia mentale. Rocco Papaleo - Cervo Nero, vero nome Renato - crede che il Grande Spirito, un dio dei Sioux, di cui lui si crede parte, gli abbia inviato l'Uomo del Destino, ovvero Tonino. Quando questo rimane gravemente ferito, Renato non solo lo cura ma lo nasconde sui tetti di Taranto, isolato dal mondo. È la nascita di un'amicizia tra due outsiders: Tonino, ladro reietto e ricercato dalla polizia; Renato, che per rifugiarsi da una grave perdita avuta in tenera età, ha deciso di diventare Cervo Nero. Sarà una convivenza tra alti e bassi. Alti e bassi anche fisici, dal momento che tutto il film è girato sui tetti di Taranto, in un continuo movimento verticale. E la città di Taranto è sempre presente, con i fumi dell'Ilva, tra le righe dei dialoghi e nelle storie dei protagonisti: proprio Renato vive in prima persona una perdita causata dall'imponente fabbrica.


Presentato in selezione ufficiale al Bifest Bari International Film Festival 2019, Sergio Rubini torna dietro alla macchina da presa raccontando la storia di una città e un'insolita amicizia. Cerca anche però di dare un'impronta action a un film che non ne aveva bisogno. Quasi un quarto d'ora d'inseguimento sui tetti è eccessivo per un film che sceglie l'azione solo a sprazzi e che genera una mescolanza di generi eccessiva e straniante. Anche la durata eccessiva compromette la gestione della storia e del suo ritmo. Il finale, lieto, ma non per questo scontato o melenso, risolleva le sorti della pellicola, che però non convince appieno.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder