facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

The Lego Movie 2: Una nuova avventura

02/25/2019 11:00

Roberto Semprebene

Recensione Film, Batman, animazione, lego,

The Lego Movie 2: Una nuova avventura

Un’evoluzione in salsa pop del primo capitolo, con più canzoni e più glitter

53261-.jpeg

Cinque anni fa, il primo The LEGO Movie dimostrava, se mai vi fosse stato alcun dubbio, quanto i mattoncini danesi siano entrati nell’immaginario collettivo e come Lego sia ormai un brand capace di declinarsi ben oltre il semplice giocattolo per costruzioni, adattandosi a media diversi come i videogiochi e, appunto, il cinema. Se il primo capitolo aveva indagato il rapporto fra padre e figlio e l’importanza della propria individuale creatività, messa a disposizione del gruppo per ottenere qualcosa di “meraviglioso”, il capitolo 2 ci riporta lì dove eravamo rimasti, ovvero all’invasione di Bricktown da parte degli alieni venuti dal pianeta Duplo, per poi portarci avanti nel tempo e condurci in un mondo alla Mad Max, dove tutti i personaggi che conosciamo si sono dovuti abituare a sopravvivere contro un alieno invasore di natura diversa, più evoluta e pericolosa.


Tecnicamente questo secondo film recupera il sistema di animazione che aveva caratterizzato il primo, rendendolo riconoscibilissimo grazie a degli effetti in stile stop-motion, la composizione di interi mondi animati composti integralmente di mattoncini e la fusione fra riprese live-action e animazione. Applicato al secondo capitolo questo meccanismo non stupisce più, ma crea una piacevole continuità, arricchita da nuovi set di costruzioni e linee, in un continuo, massiccio e coloratissimo product placement.


Le tematiche, chiaramente orientate al mondo dell’infanzia e della prima adolescenza sono sviluppate in modo più contorto di quanto non avvenisse nel primo episodio, creando una storia in cui Emmett è costretto a inseguire gli alieni dopo che questi hanno rapito Lucy, Batman e gli altri amici, per portarli dalla sovrana Quello che Voglio nel sistema Sorellare. Con l’aiuto di un nuovo amico, Rex, e della sua astronave guidata da Lego Velociraptor, Emmett dovrà impedire l’Armammageddon, anche se forse la soluzione del problema non è proprio quella che lui pensa di adottare.


The Lego Movie 2: Una nuova avventura è un’evoluzione in salsa pop del primo capitolo, con più canzoni, più glitter, le consuete strizzatine d’occhio al pubblico adulto (fantastiche le incursioni della versione omino giallo di Bruce Willis/John McClane), ma un impianto più roboante e adolescenziale del primo capitolo. Anche in questo caso il percorso di Emmett e dei suoi amici è quello di una crescita che li porterà a capire che, anche se non tutto è sempre “meraviglioso”, forse anche in questo alternarsi di momenti e situazioni sta la bellezza delle cose, che la diversità può essere una risorsa quando viene accettata e che la collaborazione e la capacità di venire incontro all’altro può salvarci dalle peggiori catastrofi.


Phil Lord e Christopher Miller riescono quindi a costruire un nuovo successo narrativo e commerciale, più involuto e a tratti faticoso del precedente episodio, ma capace di parlare al proprio pubblico di riferimento e di far tornare bambino anche chi non lo è più. Del resto, il fascino delle avventure che si possono vivere assemblando mattoncini non ha davvero età.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder