facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il lago delle oche selvatiche, la recensione del film di Diao Yinan

02/20/2020 11:00

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Thriller, cinema orientale, Diao Yinan,

Il lago delle oche selvatiche, la recensione del film di Diao Yinan

Un poliziesco nero come le notti nelle quali è ambientato

il-lago-delle-oche-selvatiche-film-1598366244.jpg

Al riparo da una pioggia battente, una donna avvicina un uomo nei pressi di una stazione, chiedendogli di accenderle una sigaretta: è Liu, una prostituta in cerca di una via d'uscita. Intanto Zhou, appena uscito di galera, è coinvolto in una faida tra gang che si contendono il controllo del territorio.

Un flash back alla sera prima ricostruisce gli ultimi eventi: Zhou è entrato nel seminterrato di un hotel, dove un gruppo di malviventi sta discutendo le prossime mosse, quando scoppia una lite violenta e sanguinosa. Nell'inseguimento resta ucciso anche un poliziotto e su Zhou viene messa una taglia per la sua cattura. Inizia così la sua fuga dai rivali e dalla polizia, alla ricerca della moglie, aiutato da Liu, che forse si è innamorata di lui (o forse solo della ricompensa).

 

Poliziesco cinese nero come le notti nelle quali è ambientato, Il lago delle oche selvatiche ha bisogno più che mai anche del buio della sala per trascinare con sé lo spettatore dentro le sue poche luci e molte ombre. A illuminare la scena basta un lampione isolato, un'insegna al neon o il faro di una motocicletta, che proietta profili lunghi e minacciosi sopra un muro, sotto un ombrello, dietro un tendone. Il film entra nei vicoli piovosi di una città cinese sordida e malfamata, scendendo nelle cantine e passando per le cucine, tanto che delle immagini sembra di avvertirne gli odori: il cibo, il fumo, i vestiti bagnati. E il sangue, ovviamente, che in diverse scene pulp non viene certo risparmiato: il tizio gambizzato, quello decapitato mentre guida o quello infilzato con l'ombrello. Questo aspetto del film può diventare disturbante: una volta finiti dentro la scena, si ha quasi la sensazione di sporcarsi.

54851-.jpeg

In questo, Il lago delle oche selvatiche ricorda Quentin Tarantino o, meglio ancora, i coreani Park Chan-wook (Old boy) e Kim Ki-duk (Moebius). Ma l'atmosfera prevalente è comunque quella di certo Wong Kar-wai: il rigore formale della fotografia, i colori notturni ma accesi, i neon, la pioggia, il cibo, le moto; e soprattutto i due protagonisti, veri e propri Angeli perduti. Yi'nan Diao, in passato già vincitore alla Berlinale, torna a dirigere con il tocco del gran maestro una pellicola stilisticamente perfetta, un dramma dalle tinte foschissime il cui sviluppo sembra però passare in secondo piano rispetto all'estetica: tecnicamente e visivamente ineccepibile, il film è forte di una composizione fotografica che soverchia l'interesse alla narrazione, con sequenze al limite dell'autocompiacimento. L'ombra in fuga che si espande sul muro o i close-up sugli animali allo zoo, i cappelli in riva al lago o la sequenza sulla canoa, lo sciamare delle moto o le gambe dietro una tenda: immagini che rischiano di risolvere l'intero film in un esercizio di bravura, senza dubbio riuscitissimo, destinato però a conquistare più i favori della critica o dello spettatore esigente piuttosto che quelli di un pubblico in sala desideroso di svagarsi.

 


the-wild-goose-lake-2019-diao-yinan-poster-1598365445.jpg

Genere: drammatico, gangster 

Titolo originale: Nan Fang Che Zhan De Ju Hui

Paese/Anno: Cina, 2019

Regia: Diao Yinan

Sceneggiatura: Diao Yinan

Fotografia: Dong Jingsong

Montaggio: Kong Jinlei, Matthieu Laclau

Interpreti: Gwei Lun Mei, Hu Ge, Huang Jue, Liang Qi, Liao Fan, Regina Wan, Zeng Meihuizi

Produzione: Green Ray Films, Memento

Distribuzione: Movies Inspired

Durata: 113'

Data di uscita: 13/02/2020

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder