facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il diario di Bridget Jones

07/07/2010 10:00

Antonella Sugameli

Recensione Film, Commedia, Bridget Jones,

Il diario di Bridget Jones

Una trentenne come tante Bridget Jones (Renée Zellweger), non particolarmente affascinante, piuttosto impacciata e decisamente schietta...

9421-.jpeg

Una trentenne come tante Bridget Jones (Renée Zellweger), non particolarmente affascinante, piuttosto impacciata e decisamente schietta. Lavora in una casa editrice, esce con pochi amici fidati, ma nessun uomo all’orizzonte. Durante la festa di capodanno la madre le presenta Mark Darcy (Colin Firth), uomo di successo e avvocato affermato. Peccato che Bridget non sia l’esemplare di femmina che possa avere alcun ascendente su di lui. In compenso, il capo di lei non è affatto male, nonostante la fama di donnaiolo e malfidato lo preceda. Indossa una gonna molto corta quando, Daniel Cleaver (Hugh Grant), il capo appunto, adesca la preda e in un serrato corteggiamento a colpi di occhiatine e mail, finisce per sedurla anche in camera da letto. La goffa Bridget si troverà nel bel mezzo di un menage a trois e a sorpresa dovrà fare i conti con due uomini, completamente diversi l’uno dall’altro e disposti a tutto pur di averla ciascuno per sé.


Il film esce nel 2001 e si basa sull’omonimo romanzo di Helen Fielding. La trama seppur non spicchi per originalità, risulta frizzante e piacevole nell’insieme. L’amore tradito, l’amore non corrisposto, la delusione d’amore, la frustrazione di un amore assente: sono tutte tematiche che confluiscono nel personaggio di Bridget Jones, il prototipo della ragazza normale, a dir poco sfigata, a cui improvvisamente sorride la stella amica. Cleaver è pazzo di lei, Mark Darcy finge di ignorarla in realtà ne è profondamente attratto. Ma per un astuto disvelamento il subdolo Cleaver, mette in cattiva luce il malcapitato Mark Darcy, facendole credere che in realtà sia un fedifrago incallito e senza speranza. Tra colpi di scena, misunderstood e duelli corpo a corpo, la dolce Bridget avrà il suo principe e gli spettatori la loro favola a lieto fine.


La commedia americana ha un punto di forza assoluto nella sceneggiatura. Dialoghi brillanti, costruzione perfetta del plot, sense of humor nei monologhi e per finire scelta azzeccata del cast. Renée Zellweger ha realmente preso parecchi chili per interpretare il personaggio. Bridget è una caricatura della femminilità: la goffaggine ostentata, l’inclinazione al vizio in generale, la camminata sbilenca, la logorrea verbale. Bridget è meravigliosamente divertente, offre alle donne uno specchio, in cui potersi osservare sorridendo, concedendosi il lusso di non prendersi troppo sul serio.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder