facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Solomon Kane

07/27/2010 10:00

Roberto Semprebene

Recensione Film,

Solomon Kane

Un antieroe dannato e corrotto che per redimersi e salvare la propria anima deve combattere le forze del male in difesa di una fanciulla pura di cuore...

9601-.jpeg

Un antieroe dannato e corrotto che per redimersi e salvare la propria anima deve combattere le forze del male in difesa di una fanciulla pura di cuore. Un’Inghilterra del XVII secolo preda della barbarie e della superstizione. Pochi effetti speciali usati con accortezza e una discreta dose di violenza sono le caratteristiche con le quali Solomon Kane, ultima fatica di Michael J. Bassett, si presenta al grande pubblico.


Solomon Kane (James Purefoy) è un avventuriero, uno spietato capitano che non si da pena per i propri nemici come neanche dei propri amici, fino a quando non riceve una vera e propria condanna da parte del Mietitore del Diavolo: la sua anima appartiene agli Inferi e non ci sarà scampo da questo cupo destino. Turbato da questa sentenza, Solomon abbraccia la via della rettitudine, ma verrà costretto ad abbandonarla per rispettare un giuramento fatto ad un uomo in punto di morte: quello di salvare la figlia dell’uomo dalle grinfie del perfido stregone Malachia.


Le premesse di Solomon Kane sono quelle classiche di un film d’azione che si ripromette di avvincere i propri spettatori in un racconto che, se non può offrire originalità, vorrebbe almeno garantire elevati dosi di violenza e scene appassionanti. Il ruolo del protagonista è affidato a James Purefoy, attore non conosciutissimo, che porta sullo schermo un antieroe redento forse eccessivamente simile al Van Helsing interpretato da Hugh Jackman, dal cui confronto esce però sonoramente sconfitto, sopratttutto in termini di carisma. Ciononostante Solomon Kane risulta un personaggio abbastanza interessante e capace di incuriosire gli spettatori meno esigenti. L’uso degli effetti speciali, non essendo una produzione dal budget elevato, è limitata, ma non di cattiva qualità; i paesaggi cupi di un’Inghilterra afflitta dalle influenze maligne sono evocativi e creano la giusta atmosfera. Ciò che interviene a minare la godibilità di questo prodotto è la generale sensazione di trovarsi di fronte ad una narrazione sottotono, che malgrado qualche buona intuizione, come la caratterizzazione dell’avversario principale, lo stregone Malachia, non riesce a svilupparsi in modo pienamente soddisfacente, come se non si arrivasse mai al culmine delle situazioni o che comunque queste vengano risolte troppo frettolosamente. In definitiva si tratta di un tipico film estivo, adatto ad una serata di svago senza troppe pretese, ma la cui visione non è obbligatoria davvero per nessuno.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder