facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Suburbicon: gli anni '50 e quel paradiso perduto (o mai esistito)

12/07/2017 23:01

Samantha Ruboni

Approfondimento Film,

L’ultima regia di George Clooney, sceneggiatura dei Coen, recupera un’ambientazione vintage che ha molto in comune con i nostri tempi

Il nuovo film di George Clooney, in collaborazione con i bFratelli Coen/b, in uscita nelle sale italiane il 6 dicembre, è ambientato in una paradisiaca cittadina color pastello, in perfetto stile anni '50.


Con la fine del secondo conflitto mondiale, la middle class americana iniziò a stabilirsi nei sobborghi in case da sogno, in piccole comunità ben organizzate tra loro. Insomma se eri bianco e con un bel gruzzoletto il sogno americano ti apriva le sue porte. Difatti se si pensa al perfect way of life è naturale avere subito in mente gli anni Cinquanta americani, come un piccolo paradiso perduto che vorremmo tornasse e dove desidereremmo spendere una vita da sogno.


img


Questa utopia la troviamo in diversi film, da Pleasantville (1998) di Gary Ross a La donna perfetta (2004), remake di Frank Oz. La perfezione, inquietante e innaturale, viene data da colori e costumi anni '50, da donne perfette, bellissime e biondissime che sbrigano le faccende di casa e compiacciono i propri mariti.


Perfezione che, oltre alla sua superficie patinata, nasconde sempre del losco e porta i protagonisti a rompere le regole. Ed è ciò che George Clooney vuole svelarci. Il più piccolo cambiamento, nel caso di Suburbicon l'arrivo della famiglia di colore, i Mayers, diventa la scintilla per dar adito alla vera natura, razzista e violenta degli abitanti del quartiere. Una natura selvaggia che si cela anche nelle perfette famiglie, che cercano la tranquillità e la serenità nei sobborghi immacolati, ma che hanno segreti inconfessabili - come nella migliore tradizione dei Coen - che sfocia in violenza grottesca e splatter.


img


Gli anni '50 sono un punto di riferimento nella regia di George Clooney, che si concentra sul passaggio tra 50s e 60s in altri suoi film: come Confessioni di una mente pericolosa (2002) e Goodnight and good luck (2005). La suggestione di questi anni è trasferita anche nello stile registico, che ci riporta all'epoca d'oro del cinema: Clooney sviluppa un'attenzione alle ombre, al fumo e ai primissimi piani dei protagonisti.


L’ambientazione vintage non è nuova neanche alla cinematografia dei fratelli Coen, come nel recente Ave, Cesare! (2016) o nel più datato Mr. Hula Hoop: in entrambe le opere gli impeccabili anni '50 diventano sfondo di intrighi e complotti politici.


img


E la politica c’è anche in Suburbicon, che restituisce un microcosmo dell'attuale situazione americana. Razzismo e ignoranza vivono sotto unaa scintillante patina di buoni valori, che nello spazio intimo delle case vengono rivelati e macchiano il contesto di omicidi brutali e strane perversioni.


Per mantenere intatta la perfezione del microcosmo, però, i protagonisti non si fermeranno davanti a nulla: per questi cittadini assetati di sangue, intisi di razzismo, l’invasione black diventa capro espiatorio che giustifica qualsiasi evento fuori dal comune che intacca la tranquillità del vicinato.


iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/bKtiQyjPygI" frameborder="0" allowfullscreen/iframe


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder