facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Studio Ghibli, la magia dell'animazione orientale

03/29/2017 15:30

Samantha Ruboni

Approfondimento Film,

Da Nausicaa della valle del Vento a La Tartaruga Rossa: breve storia dello Studio che ha portato l'animazione giapponese nel mondo, a grandi e bambini.

Lo Studio Ghibli nasce nel 1985, con un nome che è tutto un programma: letteralmente significa «vento caldo tipico del sud-est», ma l'espressione viene usata anche per indicare l'entusiasmo nel creare qualcosa di nuovo. Nato in un appartamento nei sobborghi di Tokio, con soli 70 animatori, lo Studio Ghibli è diventato con gli anni sinonimo di animazione giapponese di livello, al pari - e anche di più - di quella occidentale, delle major Disney e Dreamworks.


La storia inizia con il bellissimo Nausicaa della valle del Vento (1984), pellicola di argomento femminista ed ecologista, che già differenzia i temi dello Studio da quelli dell'animazione occidentale. Il primo vero successo di pubblico arriva con la pellicola Kiki - Consegne a domicilio, di più facile comprensione per i piccoli. Nonostante lo scarso successo iniziale di film come Il castello nel cielo (1986), Una tomba per le lucciole (1988) e Il Mio Vicino Totoro (1988), questi diverranno col passare degli anni veri e proprio cult, al punto che l'effige di Totoro diverrà il simbolo stesso dello Studio Ghibli e una vera e proprio icona del Giappone, con relativo di merchandise di ogni tipo a lui dedicato. Dopo Kiki - Consegne a domicilio lo Studio riesce ad allagarsi e avere una sede degna del nome. Inizia inoltre a sperimentare con la CGI, il particolare nel film Pom Poko (1994). Ma la consacrazione occidentale arriva con i premi ai Festival di Venezia e Berlino, e poi con l'Oscar per Migliore Animazione al bellissimo La città incantata (2001), diretto dal regista di punta dello studio Hayao Miyhazaki. Si aprono quindi allo Studio Ghibli le porte dell'America e dell'Europa e capolavori come Il Castello Errante di Howl (2004) e La principessa Mononoke (1997) vengono proiettati nei cinema di tutto il mondo. Il successo dello Studio è così vasto che nel 2001 viene aperto il Museo Ghibli a Miraka. Le opere di Hayao Miyazaki e dei suoi diventano un fenomeno di costume: stampe e magliette dedicate imperversano in tutte le fiere di fumetti del mondo, dove i cosplayer dedicati al mondo Ghibli sono una certezza.


La forza dello Studio Ghibli sono le immagini, certo, ma soprattutto le storie e le tematiche che vengono trattate. Dimenticando quello che è l'immaginario collettivo dell'animazione, i film dello Studio si differenziano per un modo adulto e impegnato, capace di parlare un doppio livello di lettura che soddisfa grandi e bambini. Temi come l'ecologia, l'indipendenza, il rispetto per gli animali e delle foreste sono ciò di cui i film più famosi parlano. Le protagoniste femminili sono caratteri forti e coraggiosi, che lottano per ottenere ciò che vogliono e per salvaguardare ciò che sta loro più a cuore: indipendenti ed emancipate sono un ottimo esempio per tutte quelle bambine a cui il ruolo di principessa sta stretto. E tutte queste suggestioni vengono inoltre irrorate da una magia che solo lo Studio Ghibli è in grado di donarci. Spiriti e spiritelli che abitano le foreste e le case sono all'ordine del giorno; aiutano il protagonista o viceversa. Che siano di una bellezza da toglierci il fiato oppure goffi e buffi, questi spiriti sono il marchio distintivo dello studio: vengono ripresi dalle leggende giapponesi e rivisitati per rendere il mondo in cui viviamo più magico ed eccitante. L'animazione dallo stile unico e subito riconoscibile resta una peculiarità: nel 2008, con il film Ponyo sulla scogliera, lo Studio Ghibli risultava l'unico studio a usare ancora le tecniche artigianali di disegno.


Con la presentazione nel 2013 a Venezia del film, molto più adulto e commovente, Si alza il vento, il regista Hayao Miyazaki annuncia il suo ritiro dalle scene. L'anno seguente vincerà l'Oscar alla carriera. Tra il 2013 e il 2015 lo Studio sembra sfaldarsi, nonostante le belle prove di Quando c'era Marnie (2015) e Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento (2010). I produttori principali lasciano il campo e per più di due anni non vengono annunciate nuove produzioni. Quest'anno una nuova opera restituisce ai fan la giusta speranza: La Tartaruga Rossa, una collaborazione europea dello Studio Ghibli. Che sia l'anticipazione di un vero ritorno nel mondo magico dello Studio?


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder