facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

2018 al cinema, migliori e peggiori: la classifica di Marco

02/01/2019 19:48

Marco Filipazzi

Top e Flop,

Un elenco di visioni meritevoli... attraverso il 2018 e in vista dei prossimi Oscar

Siccome non credo nelle classifiche - i film sono opere d’arte, e proprio per questo soggette a un giudizio esclusivamente personale - diciamo che questo che segue è una sorta di elenco di visioni meritevoli. Lo conferma il fatto che non troverete solo film prodotti nel 2018 ma... quelli visti nel corso dell’anno.


img


bIl Meglio in tv/b


Bojack Horseman


Menzionata già lo scorso anno, si conferma una delle migliori serie in onda. Chiamarla "cartone animato" è limitativo, fermarsi all'apparenza (un cavallo umanoide come protagonista) è da ottusi. Giunta alla 5a stagione la serie ha ancora molto da dire e lo fa in modi inaspettati: da una puntata che un lunghissimo monologo di 25 minuti, a quella di Halloween che incastra 4 piani temporali differenti sino al durissimo finale.


Making a Murderer


Una serie che incolla al televisore e fa torcere le budella (perlopiù di rabbia). Documentario inchiesta che mette in evidenza le molte ombre che aleggiano su di un caso di omicidio ancora aperto: è stato davvero il redneck Steven Avery a uccidere la ragazza o è stato incastrato? E soprattutto, il sistema giudiziario americano è davvero così infallibile?


Se siete in cerca di un altro documentario ricco di colpi di scena aggiungete alla lista anche Evil Genius, sempre targato Netflix, incentrato sul caso del "pizza-bomber".


Electric Dreams


Serie antologica ispirata ai racconti paranoici e fantascientifici di Philip K. Dick. Essendo episodi autoconclusivi non tutti sono allo stesso livello, ma comunque un buon surrogato da alternare a Black Mirror.


img


bSorprese inaspettate/b


Avengers: Infinity War


Poteva essere un disastro con tutte quelle star da gestire, tutte quelle storyline aperte, tutte quelle aspettative altissime. Invece la Marvel torna alle origini, rinuncia (in parte) alle battutine demenziali, gestisce la coralità in modo egregio e cala il suo asso piglia tutto: Thanos. Applausi e lacrime.


Aquaman


Ovvero il Jason Momoa show in un film che gli è stato cucito addosso. Grosso, fracassone, tamarro, pieno di mostri marini e scenografie coatte. Ma è anche una genuina avventura per ragazzi che intrattiene e diverte per tutta la sua durata!


Saw: Legacy


L'ottavo capitolo della saga arrivato fuori tempo massimo. Potevano evitarselo? Di sicuro, ma hanno comunque girato il miglior sequel possibile, senza lesinare sul sangue, con torture gustose e un plot twist notevole, ma soprattutto coerente.


img


bItaliani/b


Finalmente il cinema di casa nostra è tornato a essere competitivo, potente e soprattutto di genere! Tantissimi i film nostrani meritevoli di essere visti.


Il dittico del Canaro della Magliana


Dogman di Matteo Garrone e Rabbia furiosa - Er Canaro di Sergio Stivaletti sono due facce della stessa medaglia. Il primo è una storia introspettiva, raccontata attraverso attori azzeccatissimi e con una fotografia e una scenografia assolutamente splendide, ma che trova nella chiusura il suo punto debole. Stivaletti non è così raffinato nella prima parte (comunque efficace) ma in compenso nel finale sfodera un arsenale di sangue ed effettacci truculenti che riempiono gli occhi e il cuore degli appassionati, appagando la loro sete di splatter.


Sulla mia pelle


Un film duro come le botte incassate dal protagonista (un Alessandro Borghi che merita solo applausi) che ha riportato alla luce una storia di cronaca ancora aperta, ma da molti dimenticata troppo in fretta.


Soldado


Ok non è proprio un film italiano, ma Stefano Sollima in trasferta negli States riesce a mantenere intatta la sua poetica e a non sfigurare nel confronto con Denis Villeneuve... scusate se è poco!


img


bIl meglio del Meglio/b


Se questa fosse una classifica probabilmente questi tre titoli starebbero sul podio, ma io ve li propongo in ordine sparso.


Terrifier


La glorificazione di una nuova icona horror (Art il Clown, che mangia in testa a Pennywise senza troppi complimenti), uno slasher duro e puro, sanguinario e dannatamente old-school.


Alexandra's project


Un dramma familiare straziante, che nei suoi 100 miniti ti riesce a trasmettere un senso di soffocamento e frustrazione come pochi altri film. Pesante come un macigno, è una riflessione sul significato più profondo della vita coniugale a lungo termine.


I kill giants


Nonostante non sia un film perfetto, ha un cuore enorme e una storia forse nemmeno troppo originale, ma raccontata con amore e dovizia di particolari. Crisi adolescenziali, paure, ansie, frustrazioni, bullismo, amicizia... e poi ci sono i giganti!


img


Ready Player One


Steven Spielberg torna alle avventure per ragazzi con cui intere generazioni sono cresciute, ma in versione 2.0. Ci sono i sentimenti, l'avventura, la nota sentimentale, l'amicizia ma soprattutto il citazionismo all'ennesima potenza. Insomma, tutto ciò che un vecchio e nostalgico nerd può desiderare.


bIl peggio del 2018/b


The Midnight Man


Noioso, piatto, confusionario. Ma soprattutto è un horror che non fa paura! Ci prova in modo svogliato, con i soliti trucchetti dozzinali, ma il risultato è un mare di noia!


Il vizio della speranza


In un momento in cui il cinema italiano si sta risollevando dal proprio piattume, film d'autore come questo non fanno altro che riaffossarlo. Peggio ancora se lo stesso regista denigra gli "autori" ma poi si pone sullo stesso piano o addirittura più in alto. L'ipocrisia fatta a film.


img


Black Panther


Il film più sopravvalutato dell'anno, per cui molti (troppi) hanno gridato al capolavoro solo per essere politically correct. È una storia di origini come molte altre che segue il solito canovaccio, con effetti speciali scadenti, in cui il solo personaggio interessante (quello di Andy Serkis) viene subito liquidato.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder