facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

The Umbrella Academy: la recensione della stagione 2

27/07/2020 16:56

Samantha Ruboni

Recensione Serie TV, Netflix Original, Azione, umbrella academy,

The Umbrella Academy: la recensione della stagione 2

Questa nuova stagione di The Umbrella Academy riesce, parlando di tematiche del 1960, a raccontare anche i giorni nostri

 

 

Questa nuova stagione di The Umbrella Academy riesce, parlando di tematiche del 1960, a raccontare anche i giorni nostri

 

 

 

La seconda stagione di The Umbrella Academy inizia da dove eravamo rimasti con la prima. I nostri fratelli preferiti si trovano risucchiati in un warmhole spazio-temporale generato da Five per scampare all’apocalisse. Peccato che, come al solito, Five ha sbagliato i calcoli e i fratelli si ritrovano sbalzati in vari anni della decade degli anni ‘60. Spaesati e spauriti cercano di rifarsi una vita in questa nuova realtà finché una nuova minaccia non li fa riunire: l’apocalisse li ha seguiti fin lì e dovranno trovare un modo per combatterla.

La forza di questa nuova stagione di The Umbrella Academy è il riuscire, parlando di tematiche del 1960, a raccontare anche i giorni nostri: c’è senso critico e consapevolezza nei confronti della nostra epoca come degli anni ‘60. La storia che vive Allison ci porta in un mondo dove esistevano bar e locali che accettavano solo bianchi. Ciò ci permette di comprendere come le lotte contro il razzismo siano state importanti, ma anche quanto ci sia ancora da fare per arrivare a un’uguaglianza totale. La storia di Vanya ci porta invece ben tre tematiche molto importanti: il ruolo della donna nella famiglia, per lo più sottomessa al marito e la sua ribellione; i disturbi mentali visti come qualcosa da nascondere e non da capire e curare; le relazioni omosessuali e le conseguenze brutali di uomini che si sentono superiori. Il tema delle relazioni ci connette anche alla storia di Klaus, ormai diventato una sorta di guru con l’aiuto di Ben, che cerca di contattare il suo adorato Dave per non farlo arruolare ed evitargli così la morte nel conflitto. Diego invece si ritroverà internato, dove conoscerà Lila, una ragazza affascinante quanto letale. Five invece dovrà trovare un modo per riportare i fratelli nel 2019 e far in modo che l’apocalisse non avvenga.

the-umbrella-academy-2-01151rc272p59mojpg1200x0cropq85-1597070993.jpg

Una cosa è certa: in questa stagione, nonostante la distanza temporale, la famiglia è più unita che mai. Se nella prima stagione si viene a creare il legame, qui invece si vede crescere man mano la fiducia. Una fiducia reciproca che permetterà a ognuno dei fratelli, ma in particolar modo a Vanya, di avere maggiore consapevolezza dei propri poteri e di conseguenza maggiore dimestichezza.

The Handler è più spietata che mai; la Commission ha più spazio e viene spiegata maggiormente rispetto alla serie precedente, anche se molto probabilmente verrà approfondita nella terza stagione (o almeno speriamo!). Le sequenze migliori sono anche in questa stagione quelle di Five, tra viaggi temporali, bizzarri duelli e tagliente sarcasmo (in questo senso degna di nota la 2x07).

Così come nei combattimenti di Five, tutta la stagione è pervasa da una colonna sonora perfetta che mixa le atmosfere anni ‘60 e la nostalgia 80s e 90s.

tuafiveunit01206rc20200610-5866-okv7kd-1200x675-1597071201.jpg

Insomma, con la seconda stagione di The Umbrella Academy si conferma una serie di puro intrattenimento. Una stagione più matura, ma non per questo meno divertente. Un bel prodotto Netflix che ricorda gli X-men, ma con più umanità.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder