facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero
Sisbianco
Sisbianco

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

The Present (2020), la recensione: su Netflix il cortometraggio palestinese di Farah Nabulsi

26/05/2021 17:00

Marcello Perucca

Corti, Festival, Netflix Original, cortometraggio, Farah Nabulsi,

The Present (2020), la recensione: su Netflix il cortometraggio palestinese di Farah Nabulsi

Netflix propone sulla sua piattaforma il cortometraggio The Present della filmmaker di origini palestinesi Farah Nabulsi

Netflix propone sulla sua piattaforma il cortometraggio The Present della filmmaker di origini palestinesi Farah Nabulsi

In questi tempi tristi in cui sono tornate a cadere le bombe sulla Striscia di Gaza, è interessante vedere che Netflix propone sulla sua piattaforma il cortometraggio The Present della filmmaker di origini palestinesi Farah Nabulsi, prodotto dall’indipendente Philistine Films.

Ambientato in Cisgiordania, nella città di Betania, The Present narra, in 24 minuti, le difficoltà che incontra Yusef - interpretato da Saleh Bakri, uno fra gli attori palestinesi più conosciuti al mondo – il giorno in cui decide di regalare un nuovo frigorifero alla moglie Noor (Mariam Basha), in sostituzione di quello vecchio e ormai quasi inutilizzabile.

Per poter raggiungere il negozio, Yusef e la figlioletta Yasmine (la piccola Maryam Kanj) devono passare un check-point, così come fanno molti loro concittadini: quotidianamente devono sottostare all’umiliazione dei controlli, spesso pesanti e arbitrari, da parte dei militari dell’esercito sionista. Ma anche una volta passati i cancelli non sarà facile, per l’uomo e la figlia, riuscire a fare ritorno alla propria casa.

The Present è un bel cortometraggio che si colloca nell’ormai consolidata cinematografia di registi palestinesi. Come molti suoi colleghi, anche Farah Nabulsi ha come tema principale la difficoltà del vivere quotidiano in una terra occupata.

 

Lo fa con uno stile classico venato di malinconia, complice la colonna sonora di Adam Benobaid, descrivendo un normale momento della vita dei propri connazionali costellata di angherie, soprusi, violenza gratuita. E immedesimandosi – e con lei noi spettatori – in Yusef, umiliato e offeso dai militari di fronte agli occhi della propria bambina

thepresent1-1622131730.jpg

Nello sguardo dell’uomo - ben interpretato da Saleh Bakri, che riesce a comunicare rabbia e stanchezza con gli occhi e con il corpo - scorgiamo tutta la collera repressa di un popolo che da più di settant’anni deve sottostare a un’occupazione ingiusta e feroce. Non stupisce, quindi, lo scatto d’ira di Yusef di fronte ai militari che gli spianano contro i fucili.

 

È, piuttosto, la reazione di Yasmine, nei cui occhi avevamo scorto la tristezza di chi, bambino, soffre nel vedere la propria infanzia e il proprio padre umiliati, a renderci speranzosi e a comprendere come, nel popolo palestinese, ci sia ancora la voglia di non darsi per vinti contimuando a lottare per conquistare, finalmente, il proprio diritto di stare al mondo.


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

Drive-in

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder