photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Promises (2021), la recensione del film di Amanda Sthers con Pierfrancesco Favino: un melò alla ricerca del t

24/10/2021 10:00

Valentina Pettinato

Recensione Film, Festival, Festa del Cinema di Roma, Film Romantico, Film Drammatico, Pierfrancesco Favino, RomaFF16, Jean Reno, Kelly Reilly, Amanda Sthers,

Promises (2021), la recensione del film di Amanda Sthers con Pierfrancesco Favino: un melò alla ricerca del tempo perduto

Un film sull’amore, scritto e diretto da una donna ma raccontato da una prospettiva maschile e tormentata

Presentato in anteprima mondiale alla 16esima Festa del Cinema di Roma e tratto dal romanzo omonimo scritto dalla stessa regista, Promises di Amanda Sthers è un film alla continua ricerca del tempo perduto. E non mancano riferimenti a Proust in questa pellicola che decide proprio di scardinare la versione lineare del tempo, concedendosi alla famosa spirale in cui passato, presente e futuro si rincontrano continuamente. In un gioco felice e cattivo insieme.

promises.jpeg

Alexander (Pierfrancesco Favino) è da sempre diviso tra le proprie origini italiane e la vita in Inghilterra. La sua infanzia è stata segnata dalla morte prematura del padre, annegato in maniera improvvisa. E ha un nonno (Jean Reno) ricco e dal forte senso pratico, con sempre qualcosa da ridire sulla sua vita.

Sandro è un commerciante di libri, è sposato e ha una bimba di nome Penelope. La sua esistenza scorre apparentemente tranquilla, finché incontra Laura (Kelly Reilly, star di Yellowstone). Da quel momento la loro vita sarà una continua ricerca dell’attimo giusto.

promisesrecensionefavino2-1635237423.jpeg

Un film sull’amore, scritto e diretto da una donna ma raccontato da una prospettiva maschile e tormentata: quella di un uomo, la cui infanzia è stata scandita da lutti e traumi, che proietta nel suo oggetto del desiderio, una donna bellissima e forse inarrivabile, il suo bisogno di amare ed essere amato.

 

Questo racconta Promises: l’urgenza del suo protagonista di ricordare alcuni momenti della sua vita e spogliarli degli aspetti più crudeli, liberandosi del loro peso.

 

Così Laura, la donna del desiderio, rappresenta nella narrazione una Madeleine proustiana: la passione per lei è occasione per Sandro di ritornare ai momenti di vita passata, che aveva depositato sul fondo di quel mare e quelle spiagge che hanno visto morire suo padre e il suo grande amore di gioventù.

promisesrecensionefavino3-1635237431.jpeg

Tutto in questa pellicola sembra messo a servizio di un gioco temporale in cui la spirale degli eventi è il vero cardine della narrazione: il montaggio alterna ricordi, presente e futuro; passato e probabile si confondono e si abbracciano, creando un luogo di speranza in cui dare un po' di sollievo al cuore tormentato.

 

Se da un lato abbiamo quindi un materiale narrativo interessante, dall’altro il film viene travolto dalla copiosità degli elementi: non volendo rinunciare a nulla, l’autrice sacrifica la leggerezza e la fluidità sull’altare della ridondanza e della reiterazione, smarrendo un po' il controllo della pellicola. La storia d’amore, pur dominante, perde d’intensità e viene annacquata, diventando un mero espediente tecnico per permettere al protagonista di raccontare il suo passato, e viene privata di quella forza travolgente in grado di trascinare lo spettatore.

promisesrecensionefavino5-1635237438.jpg

Se sullo schermo riviviamo tutti i classici cliché di un melò d’amore - gli amanti che si baciano sotto la pioggia, gli sguardi intensi tra i due in mezzo alla gente, l’amore impossibile - ma in realtà la pellicola sembra raccontare una sola storia: quella di un uomo alla deriva che non sa cosa fare della vita e decide di ciondolare, nascondendosi tra le pieghe di un mal d’amore dal quale è impossibile guarire. E lo fa in maniera caotica, sacrificando la parte passionale e gli aspetti coinvolgenti.

 

Il risultato è un film tiepido, nonostante Pierfrancesco Favino si conceda tantissimo. Grande merito anche per la bellissima colonna sonora di Andrea Laszlo De Simone. Ci sono sequenze in cui Promises trasmette tutta la sua forza e il potenziale, ma la pellicola non riesce purtroppo a tener salda la presa e a rispettare le promesse del titolo.


promisesrecensionefavino1-1635238508.jpeg

Genere: drammatico

Paese, anno: Italia, 2021

Regia: Amanda Sthers

Sceneggiatura e soggetto: Amanda Sthers

Fotografia: Marco Graziaplena

Interpreti: Pierfrancesco Favino, Kelly Reilly, Jean Reno, Ginnie Watson, Cara Theobold, Deepak Verma, Kris Marshall

Produzione: Indiana Production, Vision Distribution, Barbary Films, Iwaca

Distribuzione: Vision Distribution

Durata: 113'

Data di uscita:18 novembre 2021


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder