photo

NETFLIX

copertine blog.jpeg

NOW TV

le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sis nero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il Gattopardo (1963), la recensione del capolavoro di Luchino Visconti

21/01/2012 11:00

Martina Calcabrini

Recensione Film, Film Drammatico, Film Italia, Claudia Cardinale, Film Storico, Luchino Visconti, Alain Delon, Burt Lancaster,

Il Gattopardo (1963), la recensione del capolavoro di Luchino Visconti

Nel 1963, distanziandosi tematicamente dalle opere precedenti, Visconti realizza la trasposizione cinematografica del famoso romanzo Il Gattopardo.

Luchino Visconti è stato uno dei maggiori registi cinematografici del ventesimo secolo. Esordendo nell’ormai lontano 1943 con Ossessione, si fece subito notare grazie a capolavori neorealisti come Bellissima, Senso e Rocco e i suoi fratelli: spaccati di vita che rappresentavano usi e costumi, vizi e virtù dell’Italia del tempo. 

rece-gattopardo.png

Nel 1963, distanziandosi tematicamente dalle opere precedenti, Visconti realizza la trasposizione cinematografica del famoso romanzo Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, sotto la stretta supervisione della Titanus e del suo titolare Goffredo Lombardo.

rece-gattopardo3.webp

Sicilia, 1860. Garibaldi e le camicie rosse sbarcano sull’isola italiana per cacciare il regno borbonico e avviare il processo di unificazione nazionale. 

L’aristocratico Don Fabrizio (Burt Lancaster), Principe di Salina, pur essendo consapevole della fine del predominio aristocratico, compie con la sua famiglia il viaggio annuale verso la residenza di campagna di Donnafugata. Arrivato sul posto, il Principe conosce il nuovo sindaco e si accorge che il governo è in mano alla classe dei ricchi borghesi. 

Sebbene sua figlia Concetta (Lucilla Morlacchi) sia innamorata del cugino Tancredi (Alain Delon), membro delle forze garibaldine nonché nipote prediletto, Don Fabrizio non può ignorare la simpatia che il ragazzo nutre per Angelica (Claudia Cardinale), la bellissima figlia del Sindaco. Così, con sguardo malinconico e rassegnato, il Principe è costretto ad appoggiare l’inatteso connubio tra la nuova borghesia e l’aristocrazia in declino.

Visconti traspone il romanzo storico-letterario di Tomasi di Lampedusa non limitandosi a riproporre pedissequamente le parole dell'autore, ma adoperando una rivoluzione diegetica che ne affrontasse il dramma socio-politico secondo l'univoco punto di vista del Principe di Salina. Un lavoro produttivo mastodontico che riportò in vita gli ambienti della borghesia siciliana, i capi d'abbigliamento e le atmosfere che nel romanzo erano soltanto immaginabili. 

 

La straordinaria cura dei dettagli, l’uso delle luci, la maestosa presenza musicale (quasi una voce narrante della storia) accompagnano il mesto percorso intellettuale del Principe di Salina fino all’amara accettazione morale del cambiamento dei tempi. 

 

Ineccepibile, inoltre, la scelta del cast, che vede Burt Lancaster primeggiare sui più giovani: la sua interpretazione, struggente ed emozionante, fu una sfida vinta dato che il regista avrebbe preferito Laurence Olivier o il sovietico Nikolaj Čerkasov. 

rece-gattopardo2.jpegrece-gattopardo1.webp

Luchino Visconti gestì con meticoloso equilibrio formale il romanzo dopo averlo letto e amato, con l'unica colpa - piuttosto grave - di aver messo in ginocchio la Titanus: i suoi pruriti da regista imposero alla produzione di girare lunghe e costose scene (il ballo, la rivolta) che costrinsero Goffredo Lombardo al fallimento - in aggiunta al flop colossale di Sodoma e Gomorra

 

Ma nonostante le sfortune passate, Il Gattopardo resta un'opera destinata all'immortalità, Palma d'oro come miglior film al 16º Festival di Cannes.


Il Gattopardo torna al cinema dal 27 giugno al 3 luglio 2024, in versione restaurata, grazie a Nexo Digital.


rece-gattopardo4.jpeg

Genere: drammatico, storico

Paese, anno: Italia/Francia, 1963

Regia: Luchino Visconti

Interpreti: Burt Lancaster, Alain Delon, Claudia Cardinale, Rina Morelli, Paolo Stoppa, Romolo Valli, Lucilla Morlacchi, Ottavia Piccolo, Pierre Clémenti, Carlo Valenzano, Serge Reggiani, Terence Hill, Leslie French, Giuliano Gemma, Ivo Garrani, Rina De Liguoro, Howard W. Rubien, Lou Castel, Ida Galli, Olimpia Cavalli, Anna Maria Bottini, Lola Braccini, Giovanni Melisenda, Vanni Materassi, Carlo Lolli, Augusto Pescarini, Halina Zalewska, Rosalino Bua, Anna Maria Surdo, Giuseppe Stagnitti, Carmelo Artale, Franco Gulà, Vittorio Duse, Tina Lattanzi, Marino Masé, Maurizio Merli, Dante Posani, Carlo Palmucci, Marcella Rovena, Stelvio Rosi, Winni Riva, Valerio Ruggeri, Brock Fuller

Fotografia: Giuseppe Rotunno

Montaggio: Mario Serandrei

Musiche: Nino Rota

Distribuzione: Titanus, Mondadori Video, Medusa

Sceneggiatura:Luchino Visconti, Enrico Medioli, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Suso Cecchi d'Amico

Produzione: Titanus (Roma), S.N. Pathè Cinema, S.C.G. (Parigi)

Durata: 205'

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

joker