photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ghost Town

25/07/2009 10:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film,

Ghost Town

Il rapporto fra fantasmi e umani, così come quello fra i mondi che li ospitano (terreno-ultraterreno nell'accezione più diffusa), è sempre stato un soggetto ten

4931-.jpeg

Il rapporto fra fantasmi e umani, così come quello fra i mondi che li ospitano (terreno-ultraterreno nell'accezione più diffusa), è sempre stato un soggetto tenuto in grande considerazione in ambito cinematografico, tantopiù in area hollywoodiana. In questo caso, la commedia è il genere che più di altri si è dimostrato terreno di conquista, partendo da Frank Capra e Ernst Lubitsch fino ad arrivare ai giorni nostri; in una delle situazioni più tipiche, il fantasma è un personaggio bonaccione, che scende nuovamente nel mondo dei vivi per risolvere delle questioni lasciate in sospeso nella vita terrena.


Non di rado succede che i fantasmi coinvolgano altri "vivi" nella loro missione, per essere aiutati ed eventualmente aiutare anch'essi. Questo è proprio ciò che accade in Ghost Town: il fantasma di Frank (Greg Kinnear), che vediamo morire nel prologo, si accorge che Bertram (Ricky Gervais) è in grado di vederlo (a causa di complicazioni in ospedale, ha vissuto un'esperienza di pre-morte) e gli chiede di aiutarlo a far naufragare il tentativo della sua vedova (Tea Leoni) di rifarsi una vita con un nuovo partner.


La presenza di un alto tasso di derivatività (piuttosto che i Lubitsch e Capra citati prima, immaginatevi il protagonista di Qualcosa è cambiato che incontra i fantasmi di 4 fantasmi per un sogno) non rende per forza di cose Ghost Town poco interessante; grazie ad una sceneggiatura tutto mestiere e linearità, anzi, il film vive di quell'atmosfera lieve, giocosa e disimpegnata che contraddistingue quel tipo di cinema, cosiddetto estivo, che più ci piace. Ad arricchire il tutto, si aggiunga anche un cast impeccabile, a partire dai vari caratteristi sino ad arrivare al protagonista (Gervais, che sin qui conoscevamo soprattutto per delle piccole parti nei due Una notte al museo), che dà al suo personaggio quella sensibilità e umorismo british che non capita di vedere spesso in film simili.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder