photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive

20/12/2017 11:00

Federica Cremonini

Recensione Film, Film Commedia, bad moms, notte da leoni,

Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive

Le cattive madri... e le ancora più cattive nonne

45811-.jpeg

Giunge il Natale a casa di Amy (Mila Kunis), Kiki (Kristen Bell) e Carla (Kathryn Hahn) ma le tre mamme non vogliono saperne. Addobbi, regali, feste e preparazioni varie proprio non fanno per loro. E così, dopo aver deciso di boicottare le festività natalizie e tutto ciò che segue e ne consegue, si ritrovano a fare i conti con una visita inaspettata: quella delle loro madri, donne tanto legate alla tradizione da voler imporre il proprio Natale sulle figlie, e sui figli delle figlie.


Sequel della commedia scritta e diretta da Jon Lucas e Scott Moore, Bad Moms 2 - Mamme molto più cattive riprende in mano la declinazione al femminile di quel che rappresentò la trilogia di Una Notte da Leoni, precedente lavoro e ormai cult-movie a opera degli stessi autori. Ma stavolta aggiunge un tassello imprescindibile alla storia sulla genitorialità che rifiuta le convenzioni. Alla base della ribellione delle tre giovani protagoniste già raffigurata in Bad Moms c'è un'imposizione forzata delle convenzioni. E alla radice di queste imposizioni v'è certamente la mamma, ancora una volta, e vi sono le dinamiche del rapporto conflittuale fra madri e figlie.


Praticamente, quindi, per mamme "molto più cattive" s'intende le tre nonne interpretate da Susan Sarandon, Christine Baranski e Chery Hines, che irrompono nelle tranquille vite delle figlie e rammentano che il Natale richiede organizzazione, atmosfera, dolci da preparare e shopping, perché si possa definirlo "Natale". Necessariamente.


Se, dunque, nel precedente capitolo la ribellione e la trasgressione delle madri era nientemeno che la naturale (anche, a momenti, divertente) reazione al comportamento di una dispotica e rigidissima Christina Applegate, la mamma incaricata di dirigere le attività dell'istituto scolastico frequentato dai loro figli, stavolta il testimone passa alla generazione precedente. Quello portato, a volte consapevolmente e altre volte meno, dal terzetto di nonne attempate e scatenate è puro disordine e caos nella più conformista e consumistica delle tradizioni; tra rivelazioni (una nonna che andrà a vivere in un appartamento vicino a quello della figlia) e piani modificati secondo i desideri adolescenziali di ultracinquantenni (musicisti per ravvivare la serata), ben presto tutto si riduce a una commedia ai limiti del demenziale e fin troppo prevedibile. Forte, sì, della caricaturizzazione della donna-mamma nella società di oggi, schiacciata tra le sue qualità e i suoi demeriti, ma anche costruita su una sceneggiatura costellata di luoghi comuni (che nel primo capitolo erano, invece, funzionali) e battutine che vorrebbero strappare una risata ma, invece, non riescono nemmeno a stemperare la noia.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder