photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Doctor Who - Stagione 1

09/08/2017 10:00

Vito Sugameli

Recensione Serie TV,

Doctor Who - Stagione 1

Per volontà della BBC e del rinnovamento affidato a Russell Davies e Steven Moffat, Doctor Who diviene nel 2005 la punta di diamante dell'emittente televisiva

381-.jpeg

Per volontà della BBC e del rinnovamento affidato a Russell Davies e Steven Moffat, Doctor Who diviene nel 2005 la punta di diamante dell'emittente televisiva britannica. Il nuovo corso, pur mantenendone i cliché, differisce notevolmente dal format originale in bianco e nero e dalle sue costanti evoluzioni pop. Citando Marcel Proust: «Dell'universo abbiamo solo visioni informi, frammentate, che completiamo con associazioni di idee arbitrarie, creatrici di suggestioni pericolose». Come prodotto del suo tempo, la serie ideata da un team di sceneggiatori della BBC con a capo Sydney Newman – andata in onda ininterrottamente dal 1963 al 1989, poi ripresa nel 1996 con un film tv, senza contare i vari spin-off – rifletteva le paure, i limiti culturali e le fantasie di quel periodo storico (la Guerra Fredda, il sessismo, l'allunaggio del '69) e questo riavvio firmato da Davies ne prosegue la tradizione.


La prima del Dottore


La prima stagione si apre con l'incontro tra il nono Dottore (Christopher Eccleston) e la bella Rose Tyler (Billie Piper), impegnata a fuggire da un gruppo di manichini violenti. Nel costante girovagare tra passato e presente per mezzo del Tardis (macchina del tempo a forma di cabina del telefono blu, molto usata dalla polizia britannica negli anni '60), tra guerre nucleari, navi spaziali precipitate sulla Terra e tentativi di diffusione di virus, il Dottore e Rose dovranno cercare in tutti i modi di salvare l’Universo da terribili nemici. Vecchie e nuove conoscenze metteranno a dura prova l'etica comportamentale del Dottore.


I temi


Può un alieno in grado di viaggiare nel tempo preoccuparsi del benessere del nostro mondo? E per quale motivo dovrebbe farlo? Il messaggio è sfacciatamente emotivo e antirazzista. Il nono dottore, anche grazie al temperamento di Christopher Eccleston, punta sulla profondità delle relazioni tra i personaggi e sul concetto di intrattenimento visionario con picchi di irresistibile autoironia. Ogni episodio diverte e stimola la riflessione nei confronti di argomenti quali la manipolazione culturale da parte dei media ("The Long Game"), la deriva pericolosa degli show televisivi ("Padroni dell'Universo"), il diritto di dare e togliere la vita ("Città esplosiva") e le influenze economiche delle nanotecnologie ("Il bambino vuoto"). Poco male dunque se la tecnica digitale risente dello sviluppo tecnologico, con effetti speciali così posticci da sembrare obsoleti o se il make-up - in particolare in alcune sequenze ravvicinate – fa risaltare le protesi dei costumi alieni attentando alla già critica sospensione dell'incredulità. Non si mette in dubbio neppure la strategia di Davies in merito alla scelta dei nemici (si può dire vincente l'idea di affidare a dei manichini l'esordio televisivo?), perché così facendo tradiremmo lo spirito avveniristico e fanciullesco della serie. Doctor Who oltre a infondere una sana dose di ottimismo - contaminato generalmente dalle brutture della vita - dialoga per metafore e risponde in modo originale (e personale) a domande ataviche non pretendendo di fornire soluzioni assolute o scientifiche. L'esistenza della vita extraterrestre ("La fine del mondo") come strumento per misurare la diversità ("Alieni a Londra") o la capacità di controllare eventi che sono al di fuori dalla nostra portata (Il padre di Rose) sono solo alcuni esempi pratici. Doctor Who concede la possibilità a chiunque, indipendentemente dall'età e dall'attaccamento al genere, di aprire la mente e di viaggiare senza preconcetti. Lasciarsi andare è la chiave per comprendere pienamente il retaggio culturale del Dottore ed entrare in punta di piedi nell'anima del Tardis.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder