photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Vivarium (2019), la recensione del weird movie con Jesse Eisenberg e Imogen Poots

25/01/2021 15:37

Marco Filipazzi

Recensione Film, Film Thriller, Jesse Eisenberg, Film Strani, Film USA, Imogen Poots, Lorcan Finnegan,

Vivarium (2019), la recensione del weird movie con Jesse Eisenberg e Imogen Poots

Vivarium è un weird movie, che lascia lo spettatore senza punti di riferimento

Presentato in anteprima al Festival di Cannes del 2019, Vivarium ha avuto la sfortuna di essere eclissato dal fenomeno (meritatissimo eh, non siamo qui a sindacare su ciò) di Parasite. Dopodiché è sparito un po’ dai radar e distribuito nel Regno Unito, Irlanda e Stati Uniti a marzo 2020, praticamente durante lo scoppio della pandemia con relativa chiusura dei cinema e lockdown.

 

Ed è un peccato perché Vivarium è uno dei film più interessanti degli ultimi anni!

Tom e Gemma (Jesse Eisenberg, anche produttore del film, e Imogen Poots) sono una giovane coppia in cerca di una casa da acquistare per mettere su famiglia. Sono allegri, spensierati e cantano Rudy a message to you in macchina in una complicità perfetta. Durante la loro ricerca decidono di andare a vedere il nuovo quartiere residenziale di Yonder, accompagnati da un agente immobiliare inquietante e un po’ schizzato.

4d0d128b1ca4a485dea0684024308a76-1611588258.jpg

Il quartiere si presenta subito come un posto allucinante e lo diventerà ancor di più quando, nel corso della visita, l’agente immobiliare sparirà nel nulla, lasciando la coppia in balia di se stessa.

In cerca di una via di fuga i due si ritroveranno sempre al punto di partenza, davanti al vialetto della casa numero 9, quella a loro assegnata, sino a finire la benzina nella loro auto e rassegnandosi all’impossbilità di fuggire da Yonder. D’altra parte il cartello di benvenuto recitava: «Quality family homes. Forever».

Come in Pleasentville questa perfezione idealizzata assume ben presto (anzi, immediatamente) i contorni di una prigione, diventando asfissiante e snervante, tanto per i protagonisti, quanto per lo spettatore. Una periferia ideale, immacolata: le villette a schiera verde pastello, tutte uguali e ordinate, e i giardini ben curati, che si estendono a perdita d’occhio ripetendosi in un labirinto sempre identico. Dove il cielo è sempre azzurro, le nuvole «hanno la forma di nuvole» e il sole splende e riscalda ogni giorno. L’immobilità di un oggi uguale a ieri e a domani.

Vivarium galleggia in una suggestiva atmosfera sospesa tra il surrealismo color pastello di Magritte (ma c’è anche tanto Edward Hopper nella resa finale dell’immagine), la paranoia soffocante di certi episodi classici di The Twilight Zone, le distopie angoscianti di Black Mirror e una simbologia contestualizzata che ricorda quella di certi film di David Lynch.

Basti pensare al nome del quartiere, Yonder, traducibile come “al di là” o “laggiù” a simboleggiare un luogo indefinito, remoto, lontano. Un non-luogo, esattamente come il quartiere in cui la coppia si trova intrappolata.

A rendere tutto ancor più strano vi è il fatto che i due si vedono recapitare un pacco (anzi, lo trovano sul ciglio della strada, in fondo al perfetto vialetto della loro perfetta abitazione) al cui interno vi è un neonato.  Un maschio, esattamente com’era stato profetizzato dalla cameretta già tinteggiata di azzurro! Un bambino che è “un mistero da risolvere”, sicuramente non umano (nel giro di 100 giorni raggiunge l’aspetto e la maturità di un bambino di 7 anni), inquietante, disturbante, che metterà a dura prova i nervi della coppia e soprattutto il loro legame.

 

Senza raccontare di più, basti sapere che Vivarium è un film inetichettabile, un weird movie, che lascia lo spettatore senza punti di riferimento, ma che fuori da ogni dubbio merita di essere visto.

schermata2021-01-25alle16-10-50-1611588309.png

schermata2021-01-25alle16-09-41-1611588314.png

Genere: thriller, weird

Paese, Anno: USA, 2019

Regia: Lorcan Finnegan

Sceneggiatura: Garret Shanley, Lorcan Finnegan

Fotografia: MacGregor

Montaggio: Tony Cranstoun

Interpreti: Jesse Eisenberg, Imogen Poots, Jonathan Aris, Eanna Hardwicke, Shana Hart, Senan Jennings, Molly McCann, Danielle Ryan, Olga Wehrly
Colonna sonora: Kristian Eidnes Andersen

Produzione: Fantastic Films, Frakas Productions, PingPongFilm, XYZ Films

Distribuzione: Notorious Pictures

Durata: 97'


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio