photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Due (2019), la recensione del film di Filippo Meneghetti con la coppia Barbara Sukowa e Martine Chevallier

09/05/2021 10:00

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Film Drammatico, Film Francia, Filippo Meneghetti, Barbara Sulkova, Martine Chevallier,

Due (2019), la recensione del film di Filippo Meneghetti con la coppia Barbara Sukowa e Martine Chevallier

Tra Hitchcock e Chabrol, ma anche tra Misery non deve morire e Attrazione fatale

Due bambine si cercano nel viale di un parco, poi una scompare dietro un albero e l’altra resta sola. Inizia con una sequenza hitchcockiana Due (Deux) di Filippo Meneghetti, film francese dal sapore internazionale già apparso a diversi Festival.

schermata2021-05-10alle10-21-56-1620634933.png

Nina e Madeleine, le due bambine che il racconto ritrova quando sono già anziane, vivono clandestinamente il loro amore, abitando in due appartamenti l’uno di fronte all’altro.

Sono passati vent’anni da quando Nina ha lasciato Berlino per raggiungere in Francia l’amica, rimasta vedova. Hanno in progetto di andare a vivere insieme a Roma, ma Madeleine deve parlarne con i figli e non trova il coraggio: Nina non ci sta, prova a forzare le cose ma Madeleine, colpita improvvisamente da un ictus, si ritrova semi incosciente in un letto di ospedale. 

 

Quando ne esce al suo fianco c’è Muriel, una badante con la quale Nina ingaggia una lotta senza esclusione di colpi, pronta a tutto per escludere chiunque si intrometta tra lei e Madeleine.

two-of-us-1620634948.jpg

Amour fou saffico a settantanni, un soggetto non proprio facile da trattare. Il regista si dichiara affascinato dall’esplorare quanto ci condizioni il giudizio altrui, ma firma una storia che fatica a stare in piedi: improbabile nei caratteri, stereotipata nello sviluppo, priva di vera comprensione dei propri personaggi.

 

Giocato tutto sui ruoli di Nina (Barbara Sukowa) e Madeleine (Martine Chevallier), le due che il titolo perentorio isola già da tutti e tutto, il film di Meneghetti ricorda nell’impianto il recente (e più riuscito) Doppio sospetto di Masset-Depasse: altro thriller psicologico al femminile con le due protagoniste che fanno il film, interni e primi piani, e riferimenti all’estetica del vecchio cinema ma anche alla rapidità di quello hollywoodiano fine anni ’80.

Tra Hitchcock e Chabrol, ma anche tra Misery non deve morire e Attrazione fatale, Deux si risolve in un pasticcio di stili nel quale si sente pure un infelice tocco italiano. Meneghetti gira bene ma va a memoria e, nonostante i rimandi siano al miglior cinema, non riesce a togliere al suo lavoro una certa aria telefilmesca.

C’è mestiere ma non carattere, c’è ritmo ma non va a tempo: una sceneggiatura a sei mani ma non ce n’è una davvero felice, perché piena di ingenuità (la nipote che scopre la vecchia foto), di clichè del thriller smascherati anzitempo, di rischio di cadere nel ridicolo sempre in agguato: il tentato ricatto della badante, gli appostamenti nascosti, l’ira della figlia che le sorprende nello stesso letto.

due-04-1603700292-1620634984.jpg

Due è un esordio ambizioso ma insicuro, che prova l’impresa (quasi impossibile) di conciliare due idee di cinema troppo distanti: da una parte quella intimista, (che ricorda film come L’assedio di Bertolucci o Amour di Haneke), dall’altra quella del thriller, che detta le sue regole. Buona la fotografia, pur se scolastica, e così gli interpreti, efficaci ma convenzionali. E la solita canzone come ancora di salvezza: non basta.


locandina-film-deux-2020-1620635309.jpeg

Genere: drammatico

Titolo originale: Deux

Paese, Anno: Francia/Belgio/Lussemburgo, 2019

Regia: Filippo Meneghetti

Sceneggiatura: Filippo Meneghetti, Malysone Bovorasmy, Florence Vignon

Fotografia: Aurélien Marra

Montaggio: Ronan Tronchot

Interpreti: Barbara Sukowa, Martine Chevallier, Léa Drucker, Jérôme Varanfrain, Daniel Trubert, Hervé Sogne, Tara Klassen, Eugénie Anselin, Véronique Fauconnet

Produzione: Paprika Films, Tarantula Luxembourg, Artemis Films

Distribuzione: Teodora Film

Musiche: Michele Menini

Durata: 95'

Uscita: 6/05/2021


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio