photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ma nuit (2021), la recensione del film francese diretto da Antoinette Boulat

08/09/2021 13:00

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Festival, Festival di Venezia, Film Drammatico, Film Francia, Venezia78, Antoinette Boulat ,

Ma nuit (2021), la recensione del film francese diretto da Antoinette Boulat

La diciottenne Marion ha perso la sorella da cinque anni ma il dolore, che traspare dai suoi occhi tristi, sembra non voler andarsene mai.

In un’edizione francamente povera di pellicole entusiasmanti c’era da sperare, per un colpo al cuore, in quello che sembrava sulla carta il solito film francese: a Antoinette Boulat bastava anche fare il compitino per portare a casa un bel voto, e invece riesce a sbagliare praticamente tutto.

venezia78-1630751579.jpg

La diciottenne Marion ha perso la sorella da cinque anni ma il dolore, che traspare dai suoi occhi tristi, sembra non voler andarsene mai.

Così anche per la madre, che ha preparato una torta per un compleanno senza festeggiata. Ma Marion non se la sente di reggere la recita ed esce di casa con la sua macchina fotografica, vagando per la città in cerca di distrazioni.

manuitrecensione1-1631118164.jpeg

Ma nuit la seguirà per ventiquattro ore, fino all’alba del giorno dopo: una passeggiata per Parigi con le amiche da Saint Denis a Saint Martin, poi dentro una discoteca a ballare tecno, e finalmente l’incontro con Alex, con il quale passerà la notte intera.

 

Un po' Ma nuit chez Maud, ma senza Maud e senza i dialoghi di Rohmer, e un pò Prima dell’alba francese, ma senza i dialoghi di Linklater.

 

Girato con l’apparente semplicità del cinema francese, che sembra fatto con niente, Ma nuit è un piccolo film d’autore ma senza autore: Boulat, che sembra non avere idea di cosa voler davvero raccontare e soprattutto come, prova anche a riempire il vuoto del film con una Parigi minacciosa e a tratti quasi horror.

ma-nuitrecensione4-1631118341.jpeg

Musiche stile George Delerue, due facce giuste (il casting è in fondo quello che Boulat sa far bene), le strade parigine. Ma Parigi non basta, come non basta l’inconfondibile tocco francese. Estetica d’accatto e esistenzialismo per bambini fino alla fine: «Grazie, sono riuscita ad attraversare la notte». Anche meno, dai.


manuitrecensione5-1631118422.jpeg

Genere: drammatico

Paese, Anno: Francia/ Belgio, 2021

Regia: Antoinette Boulat

Sceneggiatura:

Antoinette Boulat, Anne-Louise Trividic, François Choquet

Fotografia: Laetitia de Montalambert

Montaggio: Maxime Mathis

Interpreti: Lou Lampros, Tom Mercier, Carmen Kassovitz, Angelina Woreth, Lucie Saada, Emmanuelle Bercot, Maya Sansa

Musiche: Nicolas Errera

Produzione: Macassar Productions (Marie-Jeanne Pascal), Sombrero Films (Alain Benguigui), Prod Lab, Les Films du Fleuve, Wheelhouse Productions, Thornhill Films, Arte/Cofinova 16

Durata: 87’


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio