photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Respect (2021), la recensione del biopic musicale con Jennifer Hudson nei panni di Aretha Franklin

17/09/2021 14:09

Aurora Tamigio

Recensione Film, Film Musicale, Film Biografico, Forest Whitaker, Film USA, Aretha Franklin, Jennifer Hudson, Mary J. Blige, Audra McDonald, Tituss Burgess, Tracy Scott Wilson, Liesl Tommy,

Respect (2021), la recensione del biopic musicale con Jennifer Hudson nei panni di Aretha Franklin

Aretha Franklin è un personaggio impossibile da raccontare in due ore di film. E infatti Respect non ci riesce.

Respect ha tante cose belle, ma un grande problema: arriva troppo presto. Aretha Franklin ha fatto in tempo ad approvare Jennifer Hudson come protagonista prima di morire, il 16 agosto 2018. Le riprese sono iniziate nel 2019 e terminate a inizio 2020. Si può dire che Respect è praticamente uscito a ridosso della scomparsa di Aretha, evidentemente troppo presto per elaborare un punto di vista autoriale che renda la sceneggiatura di questo biopic musicale qualcosa di più dello schema a cui il pubblico del genere è abituato.

respectrecensionefilm4-1631875982.jpeg

Sì perché il biopic, tanto più quello musicale, ha un codice che si ripete in modo abbastanza rigido a prescindere da chi sia l’artista al centro della storia. L’infanzia, l’incontro con la musica, la gavetta, un mentore che arriva a svoltarne la carriera, il peso del successo, la crisi, la presa di coscienza di sé e del proprio genio. Provate a pensare alle biografie cinematografiche di argomento musicale che avete visto: che siano riuscite (Walk the Line, La vie en rose) o abbiano fatto discutere (Rocketman, Bohemian Rhapsody), lo schema si ripete uguale e senza sorprese. Persino il titolo è quasi scontato debba essere un brano iconico di quell’artista.

E allora perché continuiamo a guardare i biopic? Primo, perché siamo fan del personaggio. Secondo, perché succede talvolta che l’autore o l’autrice della sceneggiatura offra il suo punto di vista originale e inedito sul protagonista. È il caso di Walk the Line, non è il caso di Respect.

respectrecensionefilm1-1631875920.jpeg

Aretha Franklin era figlia di uno dei più famosi predicatori battisti degli Stati Uniti: nel salotto di casa passava la storia del soul e del blues, tra Sam Cooke e Dinah Washington; ma anche la storia americana, suo padre era grande amico di Martin Luther King.

Aretha Franklin è l’artista che ha preso il gospel, il soul, il blues, Billy Holiday e Mahalia Jackson e le ha portate nel mondo. Mentre i discografici bianchi si contendevano la sua musica, lei si schierava a fianco di Angela Davis. Ha cantato ai funerali di Martin Luther King e alla cerimonia di insediamento di Barack Obama. E non diremo qui che la sua versione di Nessun Dorma, improvvisata ai Grammy Awards 1998, era migliore di quella di Luciano Pavarotti. Ops, l’abbiamo detto.

Aretha Franklin è un personaggio impossibile da raccontare in due ore di film. E infatti Respect non ci riesce.

 

Come facilmente intuibile, il tema dello script di Tracey Scott Wilson è il rispetto. Il rispetto che Aretha ha dovuto conquistarsi da parte degli uomini della sua vita ma anche il rispetto che ha faticato a trovare per sè. Il culmine si raggiunge, ovviamente, nel numero musicale con il brano che dà il titolo al film: tutto didascalico al massimo. Lo scopo del film diretto da Liesl Tommy è chiaro: scrivere una lettera d’amore ad Aretha Franklin. E da questo punto di vista, l’obiettivo è raggiunto.

respectrecensionefilm5-1631877609.jpeg

Il talento sconfinato di Jennifer Hudson, dopo la prova in Dreamgirls, ottiene finalmente un ruolo da protagonista.

 

Hudson non ci prova neanche a imitare Aretha: mette i propri eccezionali mezzi vocali a tributo dell’artista da cui ha imparato tutto. E il massimo lo raggiunge nella sequenza finale dedicata ad Amazing Grace, forse la migliore del film.

respectrecensionefilm7-1631875890.jpeg

Respect è un accorato omaggio ad Aretha Franklin, su questo non c’è dubbio. Ma riesce a trasmettere la sua importanza, come artista e figura politica? Mica tanto. Ampio spazio è dedicato agli abusi subiti fin da bambina, ai traumi giovanili, ai maschi tossici della sua vita. Poco tempo rimane per raccontare l’impegno civile e le idee di emancipazione che hanno guidato Aretha per tutta la vita.

 

La sua musica è soprattutto raccontata come esibizione e performance, mentre alle origini e all’influenza viene dedicato solo qualche accenno. Come la brevissima sequenza con Mary J. Blige, nei panni della diva Dinah Washington, che si porta dietro il sapore dell’occasione sprecata.

respectrecensionefilm3-1631875822.jpgrespectrecensionefilm8-1631875842.jpegrespectrecensionefilm9-1631875832.jpeg

E in effetti è questa la sensazione che accompagna Respect. Verrà di certo un film migliore su Aretha Franklin, ma è difficile immaginare attori e attrici in grado di superare le prove di Jennifer Hudson, Forest Whitaker, Marc Maron, Tituss Burgess, Audra McDonald.

 

Quest’ultima, in particolare, merita di essere protagonista della prossima Season Award: già in quell’eccezionale serie tv che è The Good Fight ha dimostrato di essere un’attrice straordinaria, ma in Respect Audra McDonald sta in scena 7 minuti e fa il film. Insomma, gli attori ci sono e anche il musical. Manca solo Aretha Franklin.


respectrecensionefilm2-1631876545.jpeg

 

Genere: biografico, musicale

Paese, anno: USA, 2021

Regia: Liesl Tommy

Sceneggiatura: Tracy Scott Wilson

Fotografia: Kramer Morgenthau

Montaggio: Avril Beukes

Interpreti: Jennifer Hudson, Forest Whitaker, Marlon Wayans, Tituss Burgess, Audra McDonald, Mary J. Blige, Hailey Kilgore, Marc Maron, Kimberly Scott, Tate Donovan, Albert Jones, Myk Watford
Produzione: Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), BRON Studios, Cinesite

Distribuzione: Eagle Pictures

Durata:145 min

Data di uscita: 30 09 2021


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio