photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Sotto le stelle di Parigi (2021), la recensione del film francese di Claus Drexel con Catherine Frot

13/11/2021 13:00

Marcello Perucca

Recensione Film, Film Drammatico, Film Francia, Catherine Frot, Claus Drexel,

Sotto le stelle di Parigi (2021), la recensione del film francese di Claus Drexel con Catherine Frot

Claus Drexel segue nel suo vagabondare per le strade della Ville Lumière Christine, una clocharde a cui presta il volto la bravissima Catherine Frot

Esce al cinema, a partire dal 25 novembre, Sotto le stelle di Parigi, film del regista di origine tedesca e residente in Francia Claus Drexel. In questo suo ultimo lavoro, Drexel segue nel suo vagabondare per le strade della Ville Lumière Christine, una clocharde a cui presta il volto la bravissima Catherine Frot

sotto-stelle-di-parigi-recensione-2.jpeg

Christine percorre, di giorno, con la sua camminata claudicante, le strade di Parigi; di notte si ripara sotto i bastioni che affiancano la Senna, in un locale occupato abusivamente con la complicità di un netturbino.

Le sue giornate scorrono sempre uguali, fra i gatti randagi a cui dà da mangiare e gli uccellini che, seduta su una panchina, richiama imitandone il cinguettio. Sino a quando, in una notte d’inverno, si presenta davanti al suo rifugio Suli (Mahamadou Yaffa), un ragazzino africano di otto anni. Suli non parla francese; è solo, impaurito, infreddolito. Ha perso le tracce della madre quando la donna è stata arrestata perché irregolare e sottoposta a un ordine di espulsione.

Christine, dopo aver accolto il bambino per la notte, tenterà in tutti i modi di allontanarlo per poter tornare a vivere, senza impedimenti, la sua vita. Ma il cuore che le batte sotto la scorza indurita dalle privazioni la fa affezionare al piccolo il quale, a sua volta, si affida totalmente a lei per ritrovare la madre perduta. Inizia quindi per entrambi un’odissea alla ricerca della donna lungo le strade parigine, fra senza tetto come Christine e immigrati irregolari come Suli.

sotto-stelle-di-parigi-recensione-5.jpeg

Claus Drexel non è nuovo nel portare sullo schermo gli ultimi della nostra società. Lo aveva già fatto con Au bord du monde, documentario sui senzatetto parigini. Drexel, prendendo spunto dalla vicenda di una homeless intervistata per il documentario, crea il personaggio della Christine in Sotto le stelle di Parigi.

 

Un film drammatico e poetico allo stesso tempo. E che consente allo spettatore di immergersi in un mondo notturno in cui si muovono ombre che popolano i quartieri periferici delle grandi metropoli dell’Occidente e che spesso tendiamo a rimuovere dalla nostra mente.

Drexel, al contrario, ci ricorda che quelle ombre non sono altro che uomini e donne a cui le privazioni della vita non hanno tolto il senso di solidarietà e di fratellanza, pur se provenienti da culture e situazioni diverse.


Ecco, quindi, che il piccolo Suli, con la sua disperata solitudine ma, allo stesso tempo, con la spensieratezza degli otto anni, farà rinascere in Christine un amore perduto ormai da troppo tempo. Permettendole così di ritornare a vivere per qualcuno, in un mondo non più immerso nell’oscurità della notte ma pieno di colori. Come quelli riflessi dagli specchi del vecchio caleidoscopio che, con i pochi spiccioli che possiede, regala a Suli. 

sotto-le-stelle-8.jpeg

Un film che rende, grazie anche alla fotografia di Philippe Guilbert, l’immagine di una Parigi per nulla stereotipata e che, per l’insegnamento che dà andrebbe visto da tutta la famiglia.


sotto-stelle-di-parigi-recensione-1.jpeg

Genere: drammatico

Paese, anno: Francia, 2020

Regia: Claus Drexel

Sceneggiatura: Olivier Brunhes, Claus Drexel

Interpreti: Catherine Frot, Mahamadou Yaffa, Dominique Frot, Jean-Henri Compere, Richna Louvet, Raphael Thiery, Farida Rahouadj

Fotografia: Anne Souriau, Philippe Guilbert

Musiche: Valentin Hadjadj

Produzione:Arches Films, Maneki Films

Distribuzione: Officine UBU

Data di uscita: 25 novembre 2021


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio