photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Petite Maman (2021), la recensione del film di Céline Sciamma: una fiaba che parla della morte e della vita

02/12/2021 16:17

Emanuele Di Luccio

Recensione Film, Festival, Festival di Cannes, Film Drammatico, Film Francia, Celine Sciamma,

Petite Maman (2021), la recensione del film di Céline Sciamma: una fiaba che parla della morte e della vita

La storia diventa fiaba e Céline Sciamma tiene le redini di un racconto che sembra follia; e lo fa nel modo più semplice e più tenero.

È passato più di un anno dall’evento che ha cambiato per sempre le nostre vite e che in un qualche modo ci ha messi tutti sotto le stesse luci della ribalta, come Chaplin e Keaton nel ‘52, per restare in tema cinema. E in un qualche modo l’essere stati colpiti tutti dal medesimo evento, una pandemia globale di portata inimmaginabile (tranne che per il cinema), ci ha portato tutti nella medesima situazione di isolamento forzato, di costrizione, di dialogo con sé stessi. 


Céline Sciamma non si era mai fatta attendere così poco per la nuova uscita di un suo film, nonostante firmasse nel frattempo sceneggiature destinate ad altri progetti. Petit Maman arriva due anni dopo il plauso di Ritratto della giovane in fiamme (2019) che le è valso il Prix du scénario (Miglior sceneggiatura) al Festival di Cannes.

petitmaman-recensione-1.jpeg

Nelly ha appena perso sua nonna, alla quale era molto legata, e si dirige verso la casa di quest’ultima insieme con i genitori per sistemare le ultime cose. 

La madre Marion ritorna dunque nell’abitazione dov’è cresciuta dopo tanti anni e tanti ricordi, si ritaglierà del tempo per stare da sola ed elaborare il lutto. Nelly si ritrova a vagare da sola per la casa e per i boschi dei dintorni; cerca e trova la vecchia casa sull’albero della madre e lì incontra una bambina della sua età, che si chiama Marion. Nasce un’amicizia fra Nelly e la versione “piccola” di sua madre, una petite maman appunto, dalla quale farà fatica a separarsi.

petitmaman-recensione-6.jpeg

La storia diventa fiaba e Céline Sciamma tiene le redini di un racconto che sembra follia; e lo fa nel modo più semplice e più tenero.

 

Il film ha registro completamente diverso rispetto all’acclamato Portrait de la jeune fille en feu ma non c’è da sorprendersi: Sciamma aveva, in passato, trattato tematiche sensibili con protagonisti e personaggi giovanissimi come in Tomboy (2011) e Naissance des pieuvres (2007); senza dimenticare il successo de La mia vita da zucchina (2016), film di animazione già diventato cult del genere del quale ha curato la sceneggiatura.

petitmaman-recensione-2.jpeg

Petite Maman è un’opera intima e delicata, capace di affrontare tematiche come la perdita di una persona cara e le difficoltà del dialogo genitore-figli. Girato interamente durante il periodo del lockdown, il film vede la presenza di pochi attori e poche location, ma non ne risente affatto, anzi: questo piccolo sistema tirato su dalla fantasia di Céline Sciamma è perfetto per il tipo di racconto in questione.

 

Il periodo di chiusura e di riflessione è probabilmente stato per l’autrice francese opportunità di pensare, scrivere e realizzare il film che forse non avrebbe mai realizzato, la sua opera più personale e intima.

Il dialogo fra Nelly e la piccola Marion è sempre al limite dall’emozionare lo spettatore: parlano in modo semplice di morte, dell’avere un figlio, di cosa voglia dire prendersi cura di un’altra persona. Solo in alcuni momenti, nel finale, l’esperimento sembra barcollare: quando le due bambine si spingono un po’ oltre con battute troppo improbabili e troppo “scritte”.

 

Ma Petite Maman è uno di quei film in cui lo spettatore si immerge completamente, un film ricco di semplicità, nell’accezione più positiva del termine, e tenerezza. 


petitmaman-recensione-8.jpeg

Genere: drammatico
Titolo originale: Petite maman
Paese, anno: Francia, 2021
Regia: Céline Sciamma
Sceneggiatura: Céline Sciamma
Fotografia: Claire Mathon
Montaggio: Julien Lacheray
Interpreti: Flores Cardo, Gabrielle Sanz, Guylaine Péan, Josée Schuller, Joséphine Sanz, Margot Abascal, Nina Meurisse, Stéphane Varupenne
Colonna sonora: Para One
Produzione: France 3 Cinéma, Lilies Films
Distribuzione: Teodora Film
Durata: 72'
Data di uscita: 21/10/2021


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio