photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

West Side Story (2021), la recensione del musical di Steven Spielberg: un film politico, tra memoria e nostalg

22/12/2021 11:00

Emanuela Di Matteo

Recensione Film, Film Musicale, Steven Spielberg, Film USA, West Side Story, Ansel Engort, Rachel Zegler, Tony Kushner,

West Side Story (2021), la recensione del musical di Steven Spielberg: un film politico, tra memoria e nostalgia

West Side Story è il primo musical di Spielberg: un lavoro quasi perfetto, come se il regista non avesse maneggiato una materia diversa in vita sua.

Che sia una guerra, una pestilenza o un'antica faida tra famiglie, dai tempi del capolavoro Romeo e Giulietta di William Shakespeare è sempre la stoltezza degli uomini, unita alla mano manca del destino, la causa della rovina degli innamorati, condotti a una fine tragica ed esemplare. 

wsidestory5.jpeg

L'opera del Bardo era stata di ispirazione, tra i tanti, per West Side Story, il celeberrimo e innovativo musical del 1957 di Leonard Bernstein, Stephen Sondheim e Arthur Laurents. Da qui Robert Wise e Jerome Robbins realizzano nel 1961 l'omonimo film, vincitore di 10 Oscar. Sembrava non esserci un motivo valido per un remake ulteriore, ma ci sbagliavamo. Sessant'anni dopo, Stephen Spielberg può permettersi di scegliere che film fare in base alle proprie passioni; e questo, spesso, attraversano i ricordi di infanzia e giovinezza. 

 

West Side Story è il primo musical di Spielberg: un lavoro quasi perfetto, come se il regista non avesse maneggiato una materia diversa in vita sua. 

wsidestory2.jpeg

Senza allontanarsi mai dal suo fedele sceneggiatore Tony Kushner (Angels in America) e dal direttore della fotografia Janusz Kamiński, la storia di Tony (Ansel Engort) e Maria (Rachel Zegler), appartenenti a bande/etnie rivali, viene raccontata dal momento del loro incontro fino a quella di un ultimo respiro, tra balli forsennati e un continuo movimento che lascia senza fiato. 

 

Gli attori sono, principalmente, e per la prima volta, di origini latine, come la storia vorrebbe. La giovane Rachel Zegler, Giulietta, è un portento, e lo stesso si può dire di Mike Faist (Riff) e Ariana DeBose.

wsidestory4.jpeg

Due bande si odiano e si scontrano: i Jets, di origine polacca, irlandese e italiana, e gli Sharks, discendenti di immigrati portoricani.

Nonostante questo Maria, sorella del capo degli Sharks, si innamora di Tony, che appartiene sfortunatamente alla banda avversaria. Il loro amore sarà ostacolato, ma sempre irrefrenabile. Nel frattempo, a fare da sfondo, ci sono i quartieri della città in piena trasformazione urbanistica.

 

Anche questo musical, in fondo, è un film sulla memoria. Un viaggio nel tempo, a ritroso e nel futuro, in pieno stile Spielberg. 

West Side Story è travolgente e coinvolgente, ma anche politico e violento, ricco di virtuosismi di regia, immagini e musiche che restano ben impresse nella memoria, all'insegna di un Intrattenimento - con la iniziale maiuscola - in pieno stile hollywoodiano.

 

Il compositore David Newman ha il merito di aver arrangiato la colonna sonora originale di Leonard Bernstein e c’è anche un nuovo numero musical, La Borinqueña, l’inno portoricano scritto nel 19° secolo dopo una delle prime grandi rivolte popolari per l’indipendenza del paese nel 1868. 

wsidestory1.jpeg

Pieno di incanto e ricordi, nostalgia e una dolcezza di sguardo quasi infantile, West Side Story unisce a questi elementi la forza e il coraggio di un film che racconta razzismo e scontri con la polizia, diventando forse uno dei migliori musical che il grande schermo abbia mai visto.


wsidestory0.jpeg

Genere: musical
Paese, anno: USA, 2021
Regia: Steven Spielberg
Sceneggiatura: Tony Kushner
Fotografia: Janusz Kaminski
Montaggio: Michael Kahn, Sarah Broshar
Interpreti: Adriana Pierce, Adriel Flete, Ana Isabelle, Andrea Burns, Andrei Chagas, Annelise Cepero, Ansel Elgort, Ariana DeBose, Ben Cook, Brian d'Arcy James, Brianna Abruzzo, Brittany Pollack, Carlos E. Gonzalez, Carlos Sánchez Falú, Corey Stoll, Curtiss Cook, Daniel Patrick Russell, David Alvarez, Halli Toland, Harrison Coll, Ilda Mason, Iris Menas, Isabella Ward, Jacob Guzman, Jamie Harris, Jamila Velazquez, Jeanette Delgado, Jennifer Florentino, Juliette Feliciano Ortiz, Melody Martí, Mike Faist, Mike Iveson, Myles Erlick, Paloma Garcia-Lee, Patrick Higgins, Rachel Zegler, Ricardo A. Zayas, Ricky Ubeda, Rita Moreno, Sara Esty, Sean Harrison Jones, Sebastian Serra, Skye Mattox, Talia Ryder, Tanairi Sade Vazquez, Yassmin Alers, Yesenia Ayala, Yurel Echezarreta
Colonna sonora: David Newman, Leonard Bernstein
Produzione: 20th Century Studios, Amblin Entertainment, Amblin Partners, TSG Entertainment
Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
Durata: 156'
Data di uscita: 23/12/2021


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio