photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Scream (2022), Ghostface torna a Woodsboro: la recensione del quinto film della saga

14/01/2022 12:22

Marco Filipazzi

Recensione Film, Film Horror, scream, Wes Craven, Film USA, Kevin Williamson, Matt Bettinelli-Olpin, Tyler Gillett, Radio Silence, Ghostface,

Scream (2022), Ghostface torna a Woodsboro: la recensione del quinto film della saga

Il movente dei killer che si nascondono dietro la maschera di Ghostface è sempre lo stesso: la ricerca di notorietà

Nel bene o nel male Scream ha rappresentato uno spartiacque. Scritto da Kevin Williamson (sì, il creatore di Dawson’s Creek: non è una cosa che fa uscire di testa anche voi?) e diretto dal veterano Wes Craven (creatore, tra le altre cose, della saga di Nightmare) Scream si è imposto subito come nuovo cult.

 

Arrivato in sala a ridosso della fine del millennio (1996, ma Scream 3 arriva nel febbraio del 2000), ha messo il punto al filone horror/slasher che imperversava al cinema sin dagli anni ’70, tirando le fila di un discorso articolato (a tratti persino sfilacciato se pensiamo a quante incarnazioni questo genere ha assunto in quasi un trentennio) nel migliore dei modi possibili.

Non ultimo il fatto d’introdurre il concetto di “metacinematografico” (già sfruttato proprio da Wes Craven un paio d’anni prima in Nightmare – Nuovo incubo), evitando di limitarsi solo ad ammiccamenti e citazioni - quelli sì che sono state la vera rovina del cinema horror, vedi cose tipo La Babysitter o The final girls - ma utilizzando la struttura archetipica di questo genere come base per ribaltare i cliché. E aggiungendoci anche una buona dose d’ironia.

Quante volte avete visto Jason Voorhees o Michael Myers inciampare o cadere al tappeto dopo aver incassato un calcio in mezzo alle gambe? Ghostface lo fa, come se gli autori volessero ricordarci che alla fine il killer è solo un uomo, ma allo stesso tempo anche quanto orrore è in grado di perpetrare un uomo.

 

Scream smorza i toni dell’horror come lo conoscevamo solo per renderlo più onesto, reale e generazionale. C’è una frase in Scream (questo del 2022, che per comodità ribattezzeremo provvisoriamente Scream 5) che suona pressapoco così: «siete affezionati al film originale perché l’avete visto quando avevate 12 anni ed è stato il vostro primo film vietato ai minori»​. Per chi scrive è davvero così.

scream-54.jpeg

Non si riesce a voler male a Scream. La saga si ripresenta in modo ciclico come se fosse Pennywise, una volta ogni 11 anni - 2000, 2011, 2022 -  e ripropone praticamente la stessa storia, gli stessi personaggi, lo stesso canovaccio, le stesse coordinate. Ogni volta aggiornandosi e attingendo all’evoluzione del cinema horror.

Se nella trilogia originaria venivano glorificati i mostri sacri come Halloween, Non aprite quella porta, Venerdì 13 e NightmareScream 4 faceva una panoramica sull’horror della prima decade del nuovo millennio, chiamando in causa il torture porn di Saw (l’iconica frase «voglio fare un gioco con te»​ l’ha detta prima Ghostface). Questo Scream 5 arriva a evidenziare la differenza netta tra l’horror del passato e quello contemporaneo di Babadook, The VVitch, Midsommar.

 

Più in generale riflette sull’ondata di “requel” che stanno arrivando in sala: né sequel né remake, ma strani ibridi che cercano di glorifcare i film originali giocando le stesse carte e introducendo nuovi protagonisti nella speranza di iniettare nuova linfa vitale alle saghe.

scream-5.jpeg

E sì, anche la storia di Scream 5 alla fine è sempre la stessa: qualcuno a Woodsboro decide di indossare il costume da Ghostface e inizia a compiere un massacro.

Di più non si può aggiungere perché, davvero, potrebbe essere un campo minato di spoiler. Insomma, un reimpasto di scene e personaggi già visti, cliché stravolti e prospettive ribaltate, che poi di fatto è sempre stata la struttura su cui si basava l’intera saga sin dall’inizio.

 

La vera differenza con i precedenti capitoli è che qui non ci sono né Kevin Williamson (rimasto in veste di produttore esecutivo), né Wes Craven, sostituiti invece dai Radio Silence (il duo Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett) che avevano già dato prova delle loro capacità horror con l’ottimo Southbound.

scream-51.jpeg

Scream 5 alla fine non aggiunge nulla a quanto già detto dai suoi predecessori, ma ci ricorda con un monito inamovibile che anche se passano gli anni e le generazioni si succedono, il movente dei killer che si nascondono dietro la maschera di Ghostface è sempre lo stesso: la ricerca di notorietà. E comunque è un operazione più riuscita e onesta del requel di Halloween.


scream-2.jpeg

Genere: thriller, horror

Paese, anno: USA, 2022

Regia: Matt Bettinelli-Olpin, Tyler Gillett

Soggetto: Wes Craven, Kevin Williamson

Sceneggiatura: James Vanderbilt, Guy Busick

Fotografia: Brett Jutkiewicz

Interpreti: Courteney Cox, Neve Campbell, David Arquette, Melissa Barrera, Kyle Gallner, Dylan Minnette, Mason Gooding, Jenna Ortega, Jack Quaid, Marley Shelton, Sonia Ammar, Jasmin Savoy Brown, Mikey Madison

Musiche: Brian Tyler

Produzione: Paramount Pictures

Radio Silence Productions,
Project X Entertainment, Outerbanks Entertainment,
Spyglass Entertainment Group

Distribuzione: Eagle Pictures, Paramount Pictures

Musiche: Brian Tyler

Durata: 114'


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio