photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Nostalgia (2022), la recensione del film con Pierfrancesco Favino: Mario Martone torna nella sua Napoli

30/05/2022 10:13

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Festival, Festival di Cannes, Film Drammatico, Film Italia, Pierfrancesco Favino, Tommaso Ragno, Mario Martone,

Nostalgia (2022), la recensione del film con Pierfrancesco Favino: Mario Martone torna nella sua Napoli

Martone torna ancora una volta nella sua città, adattando l’omonimo romanzo di Ermanno Rea e dimostrandosi all’altezza.

Il “dolore del ritorno”, il desiderio acuto di tornare a vivere in un luogo lontano che era stato casa: è la Nostalgia della quale è preda Felice, arrivato a Napoli per accudire l’anziana madre, che morirà però poco dopo («Tua madre da oggi abita dentro di te, vedi di accoglierla»).

Ha un avvio lento l’ultimo film di Mario Martone, come il suo guardingo protagonista, preso a riappropriarsi dei luoghi della sua infanzia, di una lingua che non parla più da molti anni, dei legami di un tempo: un vecchio amico di famiglia che era innamorato di sua madre, un prete coraggio impegnato nella lotta alla camorra, il suo miglior amico di infanzia, Oreste. 

nostalgia3.jpeg

Proprio a causa sua Felice, ancora adolescente, era fuggito improvvisamente: quarant’anni lontano dall’Italia con l’arrivo al Cairo, poi una bella moglie, un buon impiego. Cairo che non è tanto diversa da Napoli, dirà lo stesso Felice sempre più preda di quel richiamo, di quella nostalgia, nonostante tutti quei vattenne! 

Martone torna ancora una volta nella sua città, adattando l’omonimo romanzo di Ermanno Rea e dimostrandosi all’altezza. E magari anche qualcosa in più, perché nella nostra recente letteratura Napoli resta sempre straordinaria allo stesso modo, e dunque anche un po' inafferrabile (come appunto nei romanzi di Rea, o in Ferito a morte di La Capria). 

nostalgia5.webp

Salendo le scale di vecchi palazzi, scendendo nei vicoli, entrando nei bassi, Martone ci porta nel ventre della città tra un minaccioso presente e i ricordi del passato (l’adolescenza spericolata degli anni ’70 nei numerosi flashback). 

Racconto di (ri)formazione sulle larghe spalle del bravissimo Pierfrancesco Favino (di nuovo in una prova di bravura ai limiti della parodia), fiancheggiato da un sergioleonesco Tommaso Ragno e dal più bravo di tutti che è Francesco Di Leva, il prete del rione Sanità che si mette in tasca una prova più vera del vero. 

Sono proprio le parti “di Chiesa” quelle che rimettono in riga lo stesso film, anche concreto e civile qual è, quando rischia di perdersi nei vicoli della città. Rea è di casa, Martone pure, e così anche Di Leva; il resto lo fanno il mestiere e l’aria di Napoli, e si chiude un occhio su qualche ingenuità (Felice che compra una casa dietro l’altra ma poi chiede in prestito una macchina, la moglie medico che ad una telefonata molla tutto con un «Vado a Napoli»). 

nostalgia1.pngnostalgia6.webpnostalgia7.webp

Ottima la fotografia, buona la colonna sonora (la scena del ballo sulle note arabe dei Cairokee, ma perché invece un pezzo dei Tangerine Dream nella Napoli anni ‘70?). Nostalgia è un buon film, ma non molto di più (a Cannes pare sia piaciuto molto, ma niente premi).

 

Certo c’è anche una storia (che ricorda un po' quella di Sleepers con De Niro nella parte del prete, anche se Don Luigi è ispirato da una figura realmente esistita) che si fa avvincente fino alla fine, fine che arriva due volte. Resta però anche la sensazione di quella inafferrabilità di Napoli, straordinaria sempre allo stesso modo, della sua aria che compriamo in un barattolo: se lo apriamo, dentro non ci troviamo niente.


nostalgia2.jpeg

Genere: drammatico

Titolo originale: Nostalgia

Paese, anno: Francia/Italia, 2022

Regia: Mario Martone

Sceneggiatura: Ippolita Di Majo, Mario Martone

Fotografia: Paolo Carnera

Montaggio: Jacopo Quadri

Interpreti: Artem, Aurora Quattrocchi, Emanuele Palumbo, Francesco Di Leva, Nello Mascia, Pierfrancesco Favino, Salvatore Striano, Sofia Essaidi, Tommaso Ragno, Virginia Apicella

Produzione: Mad Entertainment, Medusa Film, Picomedia, Rosebud Entertainment Pictures

Distribuzione: Medusa

Durata: 112'

Data di uscita: 25/05/2022


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio