photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Bentu (2022), un ostinato rapporto uomo-natura: la recensione del film di Salvatore Mereu

13/10/2022 16:00

Rita Ricucci

Recensione Film, Festival, Festival di Venezia, Film Drammatico, Film Italia, Salvatore Mereu,

Bentu (2022), un ostinato rapporto uomo-natura: la recensione del film di Salvatore Mereu

Un film essenziale, come è essenziale il ritmo della natura, solenne e regale, capace di primeggiare su ogni evoluzione e progresso, in ogni tempo, sempre.

Salvatore Mereu dirige Bentu, presentato a Venezia 2022, nella sezione Giornata degli Autori: un film sull’ostinato rapporto dell’uomo con la natura.

 

Siamo a Sanluri, nella seconda metà del Novecento e Raffaele, il protagonista curvo dalla fatica nei campi, aspetta che arrivi il Bentu, il vento, che separerà la pula dal grano.

bentu-4-scaled.jpeg

Angelino, il suo giovanissimo nipote, cerca di aiutarlo; seppure lo inviti, a più riprese, ad affidarsi alle moderne trebbiatrici che in solo poche ore sono capaci di raccolto.

L’ostinazione del vecchio Raffaele (straordinaria interpretazione veritiera di Peppeddu Cuccu che, lo si ricorderà bambino, in Banditi a Orgosolo di Vittorio De Seta, 1961, ma anche in Sonetàula, dello stesso Salvatore Mereu, 2008) è più forte dello scorrere dei tempi che spingono alla modernità.​

Con Bentu, abbiamo un lavoro egregio di adattamento dal romanzo di Antonio Cossu. Le pagine di carta scorrono lievi sullo schermo e riacquistano uno spessore nuovo e contemporaneo. Il rapporto dell’uomo con la natura è una delle questioni, oggi, sotto i riflettori nel campo educativo piuttosto che politico ed economico.

bentu1.jpeg

Salvatore Mereu, ancora una volta ha a cuore il rapporto tra due generazioni che apparentemente risultano distanti, quasi estranee, come i protagonisti di Assandira, film del 2020, dove il dramma della distanza tra la tradizione incarnata da un padre e l’evoluzione storica da un figlio, ha come esito il buio interiore, la confusione psichica fino alla morte.

 

Bentu, al contrario, è un film di sole e luna, fatto di luce e buio naturali: i campi di grano ondeggiano leggeri e cauti durante il giorno mentre la notte, un bagliore dato dalla fiammella di una candela diventa l’ospite dell’intimità di Raffaele che la abita, in silenzio e solo.

Raffele e Angelino rispecchiano i diversi criteri di intendere il tempo dell’attesa: per il primo, saggio e paziente, è l’ascolto della natura, dei suoi riverberi che indicano l’avvicinarsi di Bentu; per il secondo è l’impazienza di vivere ogni esperienza prima ancora di essere in grado di sopportarne i rischi.

 

Infatti Angelino (il giovane e talentuoso Giovanni Porcu) è caparbiamente ostinato a cavalcare una giovane cavalla, poco addestrata e, nonostante il divieto del vecchio zio, lo farà, giocandosi tutto in una galoppata veloce.

 

Bentu è un film che ridona la fiducia nei confronti di una natura martoriata dall’uomo e usurpata dei suoi diritti in nome del progresso e della tecnologia e, come dice il vecchio protagonista: «l’America si è comprata tutto ma non il Bentu!»​.

coverlg.jpeg

Un film di chiaro-scuri, un affresco seicentesco la cui memoria visiva porta ai maggiori esponenti del periodo barocco, uno tra i quali George de La Tour, influenzato dalla luce caravaggesca, dove il lume della candela illumina le figure di San Giuseppe, della Maddalena. Un film di rumori naturali: quello della spiga che attende di essere spogliata dalla paglia. Un film di suoni arcaici, come quello della lingua sarda che pochi sanno ancora tradurre.

 

Bentu è un film essenziale, come è essenziale il ritmo della natura, solenne e regale, capace di primeggiare su ogni evoluzione e progresso, in ogni tempo, sempre.


locandina.jpeg

Genere: drammatico

Titolo originale: Bentu

Paese, anno: Italia, 2022

Regia: Salvatore Mereu

Sceneggiatura: Salvatore Mereu

Fotografia: Francesco Piras

Montaggio: Andrea Lotta, Salvatore Mereu

Interpreti: Giovanni Porcu, Peppeddu Cuccu

Produzione: Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE), Viacolvento

Distribuzione: Viacolvento

Durata: 70'

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio