photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Triangle of sadness (2022), la recensione del film di Ruben Östlund: una grottesca commedia in tre atti sul p

26/10/2022 14:04

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Festival, Festival di Cannes, Film Commedia, Woody Harrelson, Film Svezia, Film Grottesco, Ruben Östlund,

Triangle of sadness (2022), la recensione del film di Ruben Östlund: una grottesca commedia in tre atti sul potere del denaro

Triangle of sadness non è un capolavoro né un film indimenticabile ma lo stato dell’arte, nel bene e nel male, del cinema del presente.

Negli ultimi vent’anni c’era riuscito solo Michael Haneke a fare il bis a Cannes, con l’ultima Palma d’oro si aggiunge ora anche Ruben Östlund ai nove nomi che hanno vinto due volte il prestigioso premio (ma tra i due registi i punti di contatto non si limitano a questo).

 

Per chi avesse mal digerito il suo precedente The square, se non una seconda Palma accordi al regista svedese almeno una seconda chance: Triangle of sadness non è un capolavoro né un film indimenticabile ma lo stato dell’arte, nel bene e nel male, del cinema del presente.

the-triangle-of-sadness-recensione.webp

Non un caso che a premiarlo sia proprio il festival che da una parte esclude le produzioni Netflix ma che dall’altro è anche in grado di intercettare il “nuovo” cinema: come quello di Östlund, capace di fare i conti con i meccanismi della serialità restando comunque dalla parte del Cinema. Diviso com’è in episodi (il primo già bastava, l’ultimo forse avanza) che avrebbero anche una loro autonomia, Triangle of sadness mette in scena una grottesca commedia in tre atti sul potere del denaro.

triangle.jpeg

Nel primo episodio un modello e una influencer sono impegnati in un’estenuante tète-à-tète su chi debba pagare il conto della cena.

Nel secondo una violenta tempesta si abbatte su una nave da crociera, che naufraga su una piccola isola greca. Nel terzo i superstiti dovranno affrontare ribaltamenti di ruoli e problemi di sopravvivenza.

Un po' Ferreri un pò Buñuel ma in chiave scandinava tipo Roy Andersson, il regista svedese mescola Lars Von Trier e Monty Python, Titanic e Lost (la serie), gli spot Balenciaga e i reality show.

the-triangle-of-sadness-recensione-1.jpeg

Il mondo della moda e l’upper class in una crociera con naufragio che pare un circo, dove l’autore umilia i ricchi, i ricchi umiliano i poveri, e i poveri ci assomigliano più di quanto vorremmo.

 

Si chiude così un’ideale trilogia - partita dall’ottimo Forza maggiore - priva di empatia verso i suoi personaggi e con una punta di sadismo verso gli spettatori: l’astuzia di Östlund sta tutta nel costringerci a subire il film o a reagire al disagio, magari mettendoci proprio contro il film.

Vero è che nella parte della crociera non mancano momenti anche autocompiaciuti, mentre quel profluvio di merda e vomito può disturbare: non è così scontato riuscire a sintonizzarsi con i parossismi e la caustica ironia del regista svedese, anche per chi abbia confidenza e apertura verso questo tipo di cinema.

the-triangle-of-sadness-recensione-2.jpegthe-triangle-of-sadness-recensione.jpegthe-triangle-of-sadness-recensione-1.webp

Attenzione ai dettagli del sonoro (il rumore del tergicristallo sul vetro, quello delle porte dell’ascensore che aprono e chiudono) e perfetta pure la colonna sonora, che non concede appigli emotivi a nessuno, davanti e dietro allo schermo (un po' di metal, molta classica, tormentoni dance ormai démodé come le crociere). Va da sè che il doppiaggio potrebbe penalizzare il film, la visione domestica dargli il colpo di grazia. Sembra ovvio ma ribadirlo non guasta: è cinema, va visto al cinema.


the-triangle-of-sadness-recensione-3.jpeg

Genere: commedia, grottesco

Paese, anno: Francia/GB/Grecia/Svezia/USA, 2022

Regia: Ruben Östlund

Sceneggiatura: Ruben Östlund

Fotografia: Fredrik Wenzel

Montaggio: Ruben Östlund

Interpreti: Arvin Kananian, Charlbi Dean, Dolly De Leon, Harris Dickinson, Henrik Dorsin, Iris Berben, Oliver Ford Davies, Sunnyi Melles, Vicki Berlin, Woody Harrelson, Zlatko Burić

Produzione: 30West, Arte France Cinéma, BBC Film, Bord Cadre Films, British Film Institute, Canal+, Coproduction Office, Danish Film Institute, Endeavor Content, Essential Films, Eurimages, Film i Väst, Good Chaos, Hamburg Film Fund, Heretic, Imperative Entertainment, Medienboard Berlin-Brandenburg, Nordisk Film & TV Fund, Piano Films, Plattform Produktion, Sovereign Films, Sveriges Television, Swedish Film Institute, ZDF/Arte

Distribuzione: Teodora Film

Durata: 149'

Data di uscita: 27/10/2022

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio