photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere (2022), stagione 1, la recensione della serie evento di Prime V

30/10/2022 22:48

Samantha Ruboni

Recensione Serie TV, Amazon Original, il signore degli anelli, Serie Tv USA, Serie Tv Fantasy, Prime Video, gli anelli del potere, Patrick McKay, J.D. Payne, Tolkien,

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere (2022), stagione 1, la recensione della serie evento di Prime Video

Gli Anelli del Potere è una bella serie: ambientazioni, costumi, cast... tutto è ben riuscito. Ma poi, che altro?

Gli Anelli del Potere è una bella serie: ambientazioni, costumi, cast... tutto è ben riuscito. Ma poi, che altro?

La serie Amazon dedicata al prologo de Il Signore degli Anelli ha diviso pubblico e critica: tra quelli che sono rimasti rapiti dalla magnificenza dello show e coloro che ancora sono confusi dalla storia. Sarebbe interessante, infatti, fare un sondaggio e capire chi, tra i fan di Tolkien e i neofiti, ci ha capito qualcosa di quello che stava vedendo sullo schermo.

anelli-del-potere.webp

Gli appassionati sono perplessi perché, conoscendo bene le pagine di Il Silmarillion e le appendici de Il Signore degli Anelli (ispirazioni letterarie dello show) sanno esattamente quello che sarebbe successo scena dopo scena: lo spiazzamento, quindi, c'è (ed è tanto) quando ci si accorge che avvenimenti e personaggi sono mixati tra Seconda e Terza Era tolkieniena. 

 

Chi invece è a digiuno dai romanzi da cui la serie è tratta, si è trovato all’interno di vicende mai spiegate fino in fondo, luoghi e oggetti dati per scontati. Una storia che incomincia già a metà e che non ha nè un inizio nè una fine. Questo è esattamente ciò che accade quando si dà più importanza all’aspetto estetico e non abbastanza alla scrittura e alla ricerca letteraria.

C’era forse una alternativa a questo? Sì: iniziare dal principio e mettere in scena tutto il Silmarillion, operazione certo epica, che avrebbe dato i suoi frutti regalandoci una narrazione più fluida.

 

E che, forse, avrebbe riempito le prossime 4 stagioni che sono già in cantiere. Invece mettere in scena una storia iniziata, tratta non dalla trama principale, ma da un epilogo, un prologo e varie appendici non ha portato a molto. Solo una grande confusione.

gli-anelli-del-potere.jpeg

Di cosa parla Gli Anelli del Potere​

La serie vorrebbe raccontarci ciò che accade prima del Signore degli Anelli e cioè dell’ascesa di Sauron e della forgiatura degli Anelli del Potere (che danno il titolo alla serie): è quindi Sauron il vero protagonista e colui su cui si focalizzerà tutto lo show, con le sue stagioni. Galadriel è la sua controparte perché, a differenza dell’Oscuro Signore, vuole stare dalla parte del Bene; ciononostante i suoi propositi sono molto vicini a quelli di Sauron.

il-signore-degli-anelli-gli-anelli-del-potere-2.jpeg

Il Silmarillion, un'impresa

Gli Anelli del Potere risulta una serie molto parlata, e ciò avviene perché è tratta da uno dei libri più difficili e densi di tutta l’opera di J.R.R Tolkien: Il Silmarillion. Si tratta, in pratica, della Bibbia del mondo fantastico tolkieniano e anche il linguaggio è forbito quanto quello di un libro sacro o di un testo di storia. D’altronde Tolkien era uno dei più importanti medievalisti del suo tempo.

 

Va anche detto che il Silmarillion è stato pubblicato 4 anni dopo la morte di Tolkien, e a occuparsi di questa impresa editoriale è stato suo figlio, Cristopher, mettendo insieme una serie di frammenti. È quindi un libro complicato e non di lettura proprio scorrevole.

Ciò non per giustificare gli errori di sceneggiatura, anzi, ma per far capire come la base da cui la serie evento di Prime inizia non è tra le più semplici: è quindi normale che gli episodi, come ci si aspetterebbe da una serie fantasy, non siano tutti battaglie e azione, ma una sequela di avvenimenti che ci aiutano a capire ciò che succederà nelle prossime stagioni. Diciamo che questa prima stagione sarebbe un’introduzione al futuro. O, almeno, questa è l'intenzione.

solowebringsofpower.webp

Gli Anelli del Potere è la storia di Sauron?

In effetti, sì: l'obiettivo de Gli Anelli del Potere è raccontare la storia di Sauron,  ovvero la sua ascesa al male, come una sorta di Walter White di Breaking Bad come l’hanno definito J.D. Payne e Patrick McKay, gli showrunner della serie. Sappiamo che lo show dovrebbe essere costituito di altre 4 stagioni e che la seconda è stata subito confermata: se le season future continueranno a essere realizzate come il finale di questa, forse una piccola speranza di avere le prossime stagioni ben fatte la possiamo ancora avere.

the-rings-of-power.webp

La prima stagione de Gli Anelli del Potere

Di certo il peso di questa prima stagione è stato quello di raccontare e far capire una storia davvero lunga, con tanti eventi e personaggi da esaurire in pochi episodi più un piccolo prologo. Speriamo che le prossime season siano scritte meglio e con più attenzione, e che ci donino di nuovo quel brivido che abbiamo provato a vedere finalmente Nùmenor sullo schermo.

Ma il vero problema de Gli Anelli del Potere non è né la messa in scena né la scrittura, ma è l’empatia.

 

I personaggi che vediamo sullo schermo sono algidi e fanno parte di un mondo in cui non riusciamo a entrare, che non diventa mai nostro e di cui non possiamo comprendere le battaglie. Mentre, invece, l'empatia è la chiave per attirare gli spettatori e fare sì che una narrazione - per quanto di un altro mondo e di un altro tempo - parli il nostro stesso linguaggio.

Per quanto Gli Anelli del Potere abbia cercato di portare la contemporaneità nel cast – ricordiamo le polemiche, inutili, per l’elfo black - non è riuscita altrettanto ad aprire quel mondo alla nostra contemporaneità. Ed è così che abbiamo solo guardato passivamente e mai partecipato all’inizio della battaglia delle battaglie, che invece avrebbe dovuto scaldarci e prepararci all’hype della successiva stagione, cosa che invece ha funzionato benissimo nella "rivale" serie HBO House of the Dragon. I paragoni lasciano il tempo che trovano, ma una cosa è certa: House of the Dragon, creando entusiasmo e fidelizzazione, è riuscita dove Gli Anelli del Potere ha miseramente fallito.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio