photo

NETFLIX

copertine blog.jpeg

NOW TV

le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sis nero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

The Foreigner - Lo Straniero

29/03/2008 11:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film, Film Azione, Steven Seagal,

The Foreigner - Lo Straniero

Steven Seagal, ormai sempre più in palese debito di forma (e vagamente somigliante a James Belushi), è un agente incaricato di portare un misterioso pacchetto d

781-.jpeg

Steven Seagal, ormai sempre più in palese debito di forma (e vagamente somigliante a James Belushi), è un agente incaricato di portare un misterioso pacchetto da un paese all'altro. Di paese in paese, verrà braccato da sempre più malvagi, tutti interessati al pacchetto stesso: eppure, più con l'astuzia che con la violenza, riuscirà in qualche maniera a cavarsela.


È subito chiaro che il film sia poca cosa; ma anche se valutassimo il tutto all'interno della categoria dei film-con-Steven-Seagal, The Foreigner sarebbe comunque uno dei peggiori esponenti del genere. La prima scazzottata vagamente degna di questo nome arriva dopo quasi un'ora, mentre durante tutto il resto del film si vede solo qualche mossetta accennata che il povero Michael Oblowitz cerca di rendere spettacolare con ralenti ed effetti da videoclip raccappriccianti. Banale, schematico (alla fine gli inseguitori vengono tutti eliminati con lo stesso trucco); senza contare che la sceneggiatura, più che preoccuparsi di dare plausibilità alla storia, sembra più una raccolta di "episodi" collegati tra loro senza filo logico. Talmente disastroso - direzione, sceneggiatura, recitazione, colonna sonora da dimenticare - che ci sentiamo di consigliarlo solo agli amanti del trash più puro. Merita un voto solo per la quantità di ridicolo involontario che si tira dietro fin dalle primissime scene, che richiamano - più o meno volontariamente - alla memoria i momenti più pacchiani della trilogia di Rambo).


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

joker