photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Che Fai, Rubi?

29/03/2008 11:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film, Film Commedia, Woody Allen,

Che Fai, Rubi?

Tre anni prima di Prendi i soldi e scappa un giovane Woody Allen (che già si stava affermando come autore di testi comici per la televisione, presentatore, atto

1091-.jpeg

Tre anni prima di Prendi i soldi e scappa un giovane Woody Allen (che già si stava affermando come autore di testi comici per la televisione, presentatore, attore di cabaret e quant'altro) proponeva al grande pubblico la sua prima fatica. Non un vero e proprio film, in verità, bensì un'astuta (secondo i suoi produttori, perlomeno) operazione di ridoppiaggio di un film action orientale diretto l'anno prima da Senkichi Taniguchi. Saranno gli stessi due registi, prima dei titoli di testa, a presentare il film.


Del Woody Allen che conosciamo oggi, è bene dirlo, c'è molto poco, e tutto ad un livello fin troppo grezzo: Che fai, rubi? non coinvolge, non fa ridere se non in pochissimi momenti, un po' poco per un film di novanta minuti. Ad un'operazione che mostra la corda dopo i primi cinque minuti (e, in tutta sincerità, la sola definizione di film ridoppiato difficilmente farebbe presagire qualche risultato diverso da un prodotto amatoriale) bisogna pure aggiungerci una produzione travagliata; fu Allen stesso, prima dell'uscita del film nelle sale, a cercare di bloccare il film, sostenendo che fossero stati fatti cambiamenti da lui non richiesti (su tutti, la partecipazione dei The Lovin' Spoonful, palesemente posticcia). In seguito fu il regista stesso a mollare la disputa, e la pellicola uscì senza troppi problemi.


A prescindere da queste vicissitudini, allo spettatore resta solo il film: che non solo è noioso, ma stupido e infantile, meritevole di (eventuale) visione solo per i fan sfegatati del regista newyorkese. Buona fortuna.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio