photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

L'uomo che guarda

29/03/2008 11:00

Vito Sugameli

Recensione Film, Film Erotico, Tinto Brass,

L'uomo che guarda

Sesso e amore possono condividere lo stesso letto matrimoniale? È ciò che si domanda il sempre più diretto Tinto Brass, pioniere italiano dell'anarchismo filmic

1231-.jpeg

Sesso e amore possono condividere lo stesso letto matrimoniale? È ciò che si domanda il sempre più diretto Tinto Brass, pioniere italiano dell'anarchismo filmico (qualcuno ricorda Chi lavora è perduto del 1963?) e dell'erotismo esplicito. Lasciate alle sue spalle le vesti di regista "politico", negli anni '80 viene ribattezzato l'alfiere del piacere: sforna nel frattempo successi commerciali come La Chiave e Paprika, in contrapposizione alla pioggia di critiche che si è sempre portato dietro.


Il film - liberamente ispirato dal romanzo di Alberto Moravia (1985) - narra di Edoardo, detto Dodo (Fabio Casale), giovane docente di letteratura francese che viene temporaneamente abbandonato dalla moglie (Katarina Vassilissa) senza una ragione apparente. Corroso dalla gelosia, diventa un assiduo cultore di voyeurismo e scopofilia. Questa la trama esile che permette al regista di calarsi nei panni del poeta impostore, poiché i rimandi a Mallarmè e Baudelaire non arricchiscono - anzi sviliscono - possibili innesti intelletuali. Le musiche di Riz Ortolani si integrano discretamente al girato, in sintonia con la fotografia ed il montaggio (quest'ultimo realizzato durante un momento di massima creatività per il regista veneziano). Brass altro non fa che dipingere un burrascoso rapporto padre-figlio, e poggia la narrazione sul filo, neppure tanto sottile, dell'eros. Il voyer è così attore e spettatore: si lascia sopraffare dalle inquadrature piccanti e provocatorie, ammaliato sempre più dall'incastro di rotondità perfette e virili forme falliche.


Privo di inibizioni e volontariamente pretestuoso, L'uomo che guarda abbandona le credenziali di una classica visione hard per lasciare sul finale spazio - nè troppo invadente, nè superficiale - ad una leggera, ma neppure tanto prevedibile, riflessione sul rapporto di coppia.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio