photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

A proposito di Henry

29/03/2008 11:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film,

A proposito di Henry

Avvocato cinico e spietato (ci viene presentato mentre vince una causa per un'associazione, a ovvio discapito di una coppia di poveretti: nel caso non l'avessim

1301-.png

Avvocato cinico e spietato (ci viene presentato mentre vince una causa per un'associazione, a ovvio discapito di una coppia di poveretti: nel caso non l'avessimo capito), cioè l'Henry del titolo, un giorno esce a prendere le sigarette e viene colpito da una pallottola di passaggio. Cade in coma, ma poi comincia a riprendersi, e inizierà ad affrontare il lento e difficile percorso della riabilitazione, circondato dalle amorevoli cure del personale di una clinica: determinante ai fini del recupero sarà un fisioterapeuta di colore che (bisognerà pure onorare certi stereotipi!) scopriremo essere simpatico e saggio. Si scoprirà, nel mentre, che un proiettile entrato nel cranio del poveretto, ha pressoché fatto tabula rasa di tutti i suoi ricordi, della sua educazione, del suo modo di vedere la vita in pratica: una sorta di regressione all'età dell'innocenza (che comprendiamo grazie anche al raffinato cambio di pettinatura del protagonista), che crea chiari problemi di adattamento allo stile di vita adottato prima. Henry ne approfitterà per dare una svolta significativa alla sua vita, rinnegando ciò che era, riallacciando i rapporti con moglie e figlia.


È bene mettere subito le mani avanti: se il film è un flop, buona parte delle cause possono essere ricercate nello script, che è prevedibile, stiracchiato, e che si concede senza particolari problemi a stereotipi e sdolcinatezze. Mike Nichols - autore dalla carriera lunga e altalenante – fa sfoggio di mestiere nella confezione gradevole e nella direzione degli attori (soprattutto Harrison Ford, inebetito e trascinato dagli eventi); ma dovrebbe aver capito che per rendere una scena commovente non basta dilatarle all'inverosimile e sottolinearle ulteriormente a colpi di colonna sonora (un irriconoscibile Hans Zimmer).



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio