photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

L'uomo con la macchina da presa

29/03/2008 11:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film, Film Documentario,

L'uomo con la macchina da presa

Il capolavoro di Dziga Vertov è quello che, meglio degli altri, ne sublima il credo estetico-cinematografico, anticipato dal testo del manifesto dei kinoki (all

1421-.png

Il capolavoro di Dziga Vertov è quello che, meglio degli altri, ne sublima il credo estetico-cinematografico, anticipato dal testo del manifesto dei kinoki (alla rivoluzionaria nell'ambito del cinema d'avanguardia russo) e quindi formulato in via definitiva in quello che lo stesso regista definì “cine-occhio”.


Di fatto la rinuncia alla trama è completa: non solo mancano le didascalie, ma manca proprio un soggetto alla base delle immagini del film. Il soggetto, quindi, diventa un film stesso: e quindi ci si trova davanti, più che a un film, ad un trattato di metacinema, ad un cinema che si interroga sulle proprie capacità e sulle modalità di espressione. Modalità che rifuggono dalla mimesis della realtà, sia dal punto di vista narrativo (come detto, è solo la forma il vero contenuto dell'immagine cinematografica), che dal punto di vista estetico. Le immagini di Vertov, selezionate e montate con un chiaro gusto futurista, rifuggono dalla realtà fenomenica e propongono un nuovo tipo di cinema, distributore di immagini di vita reale universalmente comprensibili.


Un cinema più teorico che pratico, che può quindi soffrire della sua natura di manifesto nel momento in cui si parla di semplice fruizione: ma il frenetico montaggio di immagini, la sintesi che si crea tra immagini e accompagnamento musicale (il più diffuso è quello di Michael Nyman, il più bello – a parere di chi scrive – è quello eseguito dalla Alloy Orchestra, fedele alle indicazioni lasciate da Vertov stesso), risulta ad ogni modo affascinante. Nonostante la freddezza di fondo, e un compiaciuto formalismo - critiche che peraltro hanno accompagnato buona parte della produzione vertoviana -, L'uomo con la macchina da presa rimane un'opera che porterà a conquiste fondamentali per l'evoluzione futura del cinema, documentario e non.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio