photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Rocky IV

18/04/2008 11:00

Vito Sugameli

Recensione Film, Rocky, Sylvester Stallone,

Rocky IV

Giunta al quarto capitolo, dopo un esordio sorprendente premiato da pubblico e critica, la serie fatica a mantenere un costante equilibrio qualitativo...

1791-.jpeg

Giunta al quarto capitolo, dopo un esordio sorprendente premiato da pubblico e critica, la serie fatica a mantenere un costante equilibrio qualitativo. Questa volta è il pugile sovietico Ivan Drago – interpretato dal massiccio Dolph Lundgren – a voler sfidare il campione di Filadelfia. Segni distintivi: possenza fisica, dialoghi ai minimi termini e cattiveria in abbondanza. La sua ferocia è così fulminante da portare Rocky (Sylvester Stallone) allo scontro, più per l'onore che per il titolo: ciò che desidera fortemente è vendicare la morte dell'amico Apollo Creed (Carl Weathers), morto sul ring per mano del pugile costruito in laboratorio.


Ora che Rocky Balboa è entrato di diritto nell'immaginario collettivo, si fa sempre più concreto l'allarme stanchezza: specialmente in Rocky IV, l'impronta psicologica data da Sylvester Stallone rasenta il rattoppo e il suo alter ego sembra non avere più nulla da dire. Dialoghi incollati con la saliva e situazioni rielaborate in tragedia per cercare un appiglio emotivo con il pubblico non subiscono l'effetto voluto. Per la prima volta Bill Conti cede la sua preziosa eredità a Vince DiCola, il quale svolge un modesto lavoro di aggiornamento, ponendo maggiore enfasi sulla musica cantata piuttosto che sulla struggente bellezza strumentale. Il quarto capitolo è in assoluto il più trash – ben più di Rocky III e ridondante di tutta la saga; quello più esagerato e indissolubilmente legato alla sua epoca. A mancare non è solo un reale motivo che giustifichi l'ennesimo sequel ma il cuore, lo stesso che aveva reso grande il capostipite già in fase di scrittura. Invece Rocky IV è orfano di idee e di passione; un progetto zoppicante che anticipa il crollo definitivo che sarebbe avvenuto con l'uscita di Rocky V. Gli appassionati non mancheranno di esaltarsi – il tema della vendetta genera sempre molta apprensione – pur consci di applaudire la copia sbiadita del loro idolo.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio