photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

E venne il giorno

13/06/2008 11:00

Luca Provenzano

Recensione Film, Mark Wahlberg, Film Fantascienza, Zooey Deschanel,

E venne il giorno

Tutto si può dire, tranne che gli Americani siano fortunati nei film...

1971-.jpeg

Tutto si può dire, tranne che gli Americani siano fortunati nei film. Negli anni hanno dovuto contrastare invasioni di alieni, rispondere ad attacchi terroristici, sopportare la devastazione causata da un’abnorme lucertola radioattiva e fare i conti con un gorilla gigante con il debole per le biondine. E questo solo citando i casi più eclatanti. Ma niente di quanto vissuto in passato poteva preparali per questa nuova, terribile minaccia. All’orizzonte, immobile, impassibile, ecco apparire la nemesi più terrificante. Il nemico più implacabile.


Elliot Moore (Mark Wahlberg), professore con il pallino delle notizie improbabili, è nel mezzo di una sua lezione quando nella scuola piomba una voce sconcertante. Apparentemente, qualcuno o qualcosa è riuscito a sovvertire l’istinto di conservazione intrinseco della nostra specie, inducendo le persone a porre fine alla propria vita nei modi più brutali e truculenti possibili. Come una macchia d’olio, l’onda di suicidi si espande inesorabilmente e senza lasciare scampo, ed Elliot dovrà trovare, insieme alla moglie Alma (Zooey Deschanel), un modo per sfuggire da questa sorta di imperante e contagiosa follia collettiva. Messi con le spalle al muro, i due coniugi finiranno per piombare nell’America più isolata e bigotta e, nel massimo momento di difficoltà, ritroveranno quell’affiatamento e quel sentimento da lungo tempo sopiti.


Dopo una serie di film decisamente più introspettivi e intimistici, M. Night Shyamalan (Il sesto senso, Signs) approda anch’egli al genere catastrofico, rifacendosi a classici del passato quali L’invasione degli ultracorpi con un considerevole avvicinamento ai temi ambientalisti, quali lo stato di degenerazione del pianeta e la difficile convivenza tra uomo e natura - ricordando indirettamente L’alba del giorno dopo. Il regista di origine indiana dimostra ancora una volta di saperci fare con la macchina da presa, mettendo in scena una prima frazione ad alto tasso ansiogeno, con lo spettatore sconcertato da questa inspiegabile serie di uccisioni e assediato anch’egli, esattamente come i protagonisti del film, da un nemico tanto implacabile quanto intangibile. Peccato però che, scoperta l'origine dell'epidemia, la tensione magicamente evapori come la mai troppo citata neve al sole, regalando di contro momenti di involontaria e dissonante comicità e mostrando inevitabilmente le pecche di una sceneggiatura appena abbozzata; a poco serve l’escamotage di situazioni e personaggi plasmati ad hoc per mantenere alto il livello di adrenalina di chi assiste in poltrona. E venne il giorno è un’occasione sprecata, un film che manca il bersaglio gettando fin troppo presto la maschera e rivelando così un volto che non potrà che lasciare interdetti tutti i fan dell’una volta geniale cineasta indiano, ormai ufficialmente smarritosi in un mare di grigia mediocrità hollywoodiana.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio