photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Titanic (1997), la recensione del film cult di James Cameron

04/04/2012 10:00

Martina Calcabrini

Recensione Film, Speciale San Valentino, Podcast LPNT, Film Avventura, Film Romantico, james cameron, Leonardo DiCaprio, Kate Winslet,

Titanic (1997), la recensione del film cult di James Cameron

Una storia raccontata, un’avventura vissuta, un sogno ad occhi aperti

Ci sono emozioni che non si possono esprimere con le parole. Ci sono sensazioni che non possono essere trasmesse a chi non le ha mai provate. Esistono storie, reali o immaginate, che hanno bisogno degli occhi di chi le ha vissute sulla propria pelle per essere comprese. James Cameron lo sapeva bene quando, nel 1997, realizzò Titanic.

titaniccover-0-1612895390.jpg

Una pellicola che prende le mosse dalla verosimile esplorazione del relitto del Titanic da parte dell'astuto cacciatore di tesori Brock Lovett, coadiuvato da un team di validi professionisti, per trovare il famoso "cuore dell’oceano", una collana di diamanti appartenuti a Re Luigi XVI. La cassaforte rinvenuta di Caledon “Cal” Hockley, però, contiene soltanto un disegno di una bellissima donna nuda. Quando il telegiornale comunica la notizia, l’anziana Rose Dawson contatta Lovett per raccontargli la vera storia del transatlantico più famoso del mondo.

titanic2.jpeg

Aprile, 1912. Rose è una giovane aristocratica, superba ed arrogante che sale a bordo del Titanic accompagnata dal ricco fidanzato Cal e dalla madre Ruth.

La ragazza, apparentemente, ha tutto quello che una donna potrebbe desiderare dalla vita. Ma la profonda aridità emotiva e l'infelicità che si nascondono dietro quell'invidiabile status sociale la porta sull'orlo del suicidio: decisa a buttarsi dalla poppa della nave, viene salvata da Jack Dawson, uno scapestrato artista di strada che le insegna i veri valori della vita.

 

Divisa tra la voglia di libertà e la rigida oppressione della madre e del promesso sposo, la giovane ribelle decide di rinunciare ad un’esistenza piena di agi e ricchezze per l'amore, quello vero. Ma mentre Rose e Jack si scoprono innamorati, il transatlantico comincia a sprofondare inesorabilmente nel cuore dell'oceano.

titanic7.jpeg

Una storia raccontata, un’avventura vissuta, un sogno ad occhi aperti. Le parole di Rose ammaliano il team di Lovett e, di riflesso, il pubblico di spettatori che, bramando per i risvolti della vicenda, sperano di assistere ad un lieto fine.

 

Le seppiate immagini iniziali lasciano lentamente il posto ai fumi del motore della nave e a quelli dei puzzolenti sigari fumati in un bar di terz’ordine, quello in cui Jack e l’amico Fabrizio vincono i biglietti per salire sul Titanic.

Un destino servito su un tavolo da gioco e ottenuto grazie a una fortunata mano di poker. Un uomo comune destinato a cambiare la sorte di una giovane in pericolo.

titanic5.jpeg

Dal primo momento in cui i due protagonisti si incontrano, Cameron realizza inquadrature frenetiche, rapidi movimenti di macchina, cambi repentini e contrapposti di mondi diversi. Le numerose soggettive dei personaggi permettono allo spettatore di entrare a far parte della vicenda, curiosi, sbigottiti, bramosi di carpire ogni dettaglio e ogni odore degli ambienti circostanti.

Fuggendo dallo sfarzo della prima classe, dalla patina di buone maniere, da facoltosi ipocriti educati e signorili che nascondono i propri vizi dietro usi e costumi dell’alta società, nel chiassoso fondo della nave, tra fumi, boccali di birra, e cenciose risate, i giovani innamorati trovano l'anelata e fuggevole felicità. Cameron - grazie anche ad interpreti d'eccezione - commuove il pubblico e la critica di tutto il mondo con una storia piena di vita e di morte, cadenzata da una colonna sonora intensa ed incisiva.

titanic9.jpeg

Titanic è un classico senza età, un capitolo importante nella storia del cinema contemporaneo, che ricorda allo spettatore, adolescente o adulto, cinefilo o profano, quel che a volte dimentica: mai smettere di cercare e incarnare lo spirito libero e autentico dei sentimenti, cogliendo la vita attimo dopo attimo.

Titanic è il film protagonista del 14esimo episodio di Le Parti Noiose Tagliate, il podcast di Silenzioinsala.com che racconta storie di cinema. Per ascoltarlo clicca qui sotto, oppure cerca LPNT sulle principali piattaforme (incluso Spotify).​


titanic1.jpeg

Genere: drammatico, sentimentale

Paese, anno: USA, 1997

Regia: James Cameron

Sceneggiatura: James Cameron

Fotografia: Russell Carpenter

Montaggio: Conrad Buff IV, James Cameron, Richard A. Harris

Interpreti: Bernard Hill, Bill Paxton, Billy Zane, Danny Nucci, David Warner, Dr. Anatoly M. Sagalevitch, Ewan Stewart, Frances Fisher, Gloria Stuart, Ioan Gruffudd, Jason Barry, Jonathan Hyde, Jonathan Phillips, Kate Winslet, Kathy Bates, Leonardo DiCaprio, Lewis Abernathy, Nicholas Cascone, Suzy Amis, Victor Garber

Colonna sonora: James Horner

Produzione: Twentieth Century Fox

Distribuzione: 20th Century Fox

Durata: 194'


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio