photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Quartet

18/01/2013 12:00

Roberto Semprebene

Recensione Film,

Quartet

La musica non abbandona mai, può accompagnare l’artista, come la persona comune, in tutte le fasi della vita, dall’apice del successo al limbo della memoria...

21131-.jpeg

La musica non abbandona mai, può accompagnare l’artista, come la persona comune, in tutte le fasi della vita, dall’apice del successo al limbo della memoria. Beecham House è un luogo molto particolare: una casa di riposo per musicisti e cantanti, grandi glorie si ritrovano per vivere insieme il crepuscolo delle loro esistenze. Per quanto i suoi ospiti siano caratterizzati da tutti quei disturbi che colpiscono, chi più chi meno, le persone giunte ad una certa età, l’atmosfera che si respira è tutt’altro che triste o decadente. Il potere della loro passione, l’amore incondizionato per la musica, sembra in qualche modo sostenerli, donargli una forza diversa, riuscire a dargli ancora uno scopo che non sia solamente il rivangare il loro glorioso passato.


Fra i pensionanti di Beecham House vi sono la contralto Cecily “Cissy” Robson (Pauline Collins), il baritono Wilfred “Wilf” Bond (Billy Connolly) e il tenore Reginald “Reggie” Paget (Tom Courtenay), tre dei quattro membri di uno dei più rinomati quartetti della storia della lirica inglese. Come gli altri ospiti della casa, i tre sono alle prese con le prove per il Gala in memoria di Verdi, evento annuale durante il quale si raccolgono i fondi per sovvenzionare Beecham House. I loro preparativi vengono però sconvolti dall’arrivo di Jean Horton (Maggie Smith), l’ultimo membro del quartetto originale che aveva al tempo abbandonato per perseguire una sfavillante carriera da solista. I tentativi di riunire il gruppo e fare del Gala un evento memorabile si scontrano con le ruggini del passato e con la paura di Jean di non essere più all’altezza di se stessa. Ma la musica è una passione che sa superare ogni difficoltà.


Basato su una pièce teatrale di Ronald Harwood, Quartet segna l’esordio alla regia di Dustin Hoffman che si rivela regista sensibile e raffinato: il pluripremiato attore dirige un film di grande delicatezza e poesia che rende lieve la paura d'invecchiare, raccontando la quotidianità di Beecham House con grande serenità, ma senza edulcorazioni. Forte di interpretazioni di grande spessore, di una colonna sonora che è un impasto di alcuni dei più grandi componimenti classici, lirici e anche jazz, e infine dei dolci paesaggi della campagna inglese, Quartet sa farsi portatore di molti temi importanti – amore, arte, vecchiaia, educazione – con levità e ritmo, concedendosi anche diversi momenti di vero divertimento. La mano di Hoffman è abile nell’accompagnare la narrazione lungo il suo percorso di emozioni, con picchi drammatici oltre che comici, dialoghi brillanti – in cui è evidente ma non marcata la derivazione teatrale – e un montaggio pulito e consapevole, che non si lascia mancare un tocco di eleganza sul finale.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio