photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Wolverine: L'immortale

23/07/2013 11:00

Marco D'Amato

Recensione Film, CineComics, x-men, wolverine,

Wolverine: L'immortale

Con Wolverine - L'immortale James Mangold tenta la strada della modernità

23081-.jpeg

A quattro anni da X-Men le origini – Wolverine, arriva il secondo film totalmente dedicato al graffiante supereroe della Marvel, che era già apparso in altre tre pellicole collettive dei favolosi mutanti alle quali va aggiunto un cameo in X-Men – L'inizio: a darne volto, corpo e artigli in adamantio è come sempre Hugh Jackman.


Il film, diretto da James Mangold (Copland, Kate & Leopold, Walk the Line), prende il là dagli eventi successivi a X-Men – Conflitto Finale: Logan, ancora sconvolto dalla morte di Jean Grey (Famke Janssen), vaga senza meta fino a quando viene raggiunto da Yukio (Rila Fukushima), una guerriera con capacità di preveggenza, che lo conduce a Tokio per permettergli di salutare per l'ultima volta il suo moribondo amico Yashida (Hal Yamanouchi), capo di una gigantesca industria. In realtà Wolverine si troverà a sventare un colossale piano ordito dalla famiglia Yashida e dalla letale Viper (Svetlana Khodchenkova) ai danni suoi e della giovane Mariko (Tao Okamoto).


In Wolverine: L'immortale l'azione è presente nella misura richiesta da un cinecomics e la trama si lascia seguire facilmente - forse troppo - anche da chi non è troppo addentro la mitologia degli X-Men. Il film scorre però piuttosto piatto: eccetto Hugh Jackman - qui in veste di produttore - e Rila Fukushima, gli attori non convincono (ad inficiare anche il doppiaggio italiano) e i vari villains che incrociano la strada di Wolverine e Yukio non lasciano alcuna traccia. La sceneggiatura di Scott Frank e Mark Bomback si compone di dialoghi su giustizia e immortalità che sanno di stantio e delude perfino il lungo finale (il Silver Samurai è un orrido robottone) con un combattimento forzato che sfocia nell'ormai standard opener del nuovo episodio della serie. Non mancano scene degne di nota, come il lungo e adrenalinico confronto sul tetto del treno in corsa o il ricordo di Nagasaki; l'azione è continua e rispetto al precedente capitolo cinematografico dedicato a Wolverine si nota lo sforzo di rendere il personaggio più moderno in termini di profondità, ma non è ancora abbastanza. Escludendo il numero comunque estremamente rilevante di fans della serie, che si divertiranno oltretutto a raccogliere le tante citazione fumettistiche, è difficile trovare un motivo per andare a vedere questo ritorno, dato che sul costo del biglietto peserà anche il solito 3D, anche qui, come accade troppo spesso, assolutamente poco incisivo.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio