photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

La vita oscena

01/09/2014 11:00

Valentina Pettinato

Recensione Film,

La vita oscena

Presentato nella sezione Orizzonti dell'edizione 2014 del 71° Festival del Cinema di Venezia, La Vita Oscena di Renato De Maria fatica a convincere...

27811-.jpeg

Presentato nella sezione Orizzonti dell'edizione 2014 del 71° Festival del Cinema di Venezia, La Vita Oscena di Renato De Maria fatica a convincere. Il film, tratto dal romanzo autobiografico di Aldo Nove, è una sorta di video-racconto psichedelico della vita del protagonista che, rimasto orfano, inizia un viaggio allucinogeno nel vano tentativo di distruggere lentamente la propria vita.


Andrea (Clément Metayer) è un promettente giovane poeta legato alla madre hippy (Isabella Ferrari) da un rapporto viscerale. Quando quest'ultima muore di cancro - preceduta poco prima dal padre - Andrea resta orfano e solo, in preda agli agguati dei suoi pensieri più neri che, morso a morso, gli rubano il sonno, il futuro e la voglia di vivere.


L’impianto filmico è costruito attraverso una serie di scelte visive che vorrebbero riprodurre il flusso di coscienza dei pensieri del protagonista. Immagini, miste a una colonna sonora rock e ipnotica, attraverso le quali il regista cerca di rappresentare il dramma interiore di Andrea. Ma questa sperimentazione, tra soluzioni visionarie, versi strazianti e voce narrante, finisce per essere grottesca e priva di spessore. Il film di De Maria, prodotto da Riccardo Scamarcio, appare sospeso e privo di senso come le azioni sconclusionate del suo protagonista, che vaga come uno spettro per la città tra vizi, esperimenti erotici e abuso di droghe. In questo disperato tentativo di porre fine alla sua vita il personaggio di Andrea si carica di elementi forzati e poco credibili che, tra i fantasmi e l’approssimativo tentativo di descrivere il mondo allucinato dalla droga, finiscono per soffocare il film. I comprimari, poco caratterizzati se non addirittura esageratamente sopra le righe, appaiono banali e inconcludenti. Tra immagini deliranti e traballanti, De Maria rappresenta la biografia di Antonio Centanin, in arte Aldo Nove, come una spasmodica fuga da e verso il dolore, finendo tuttavia per divagare e perdersi.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio