photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

L'incredibile storia di Winter il delfino

24/09/2014 11:00

Martina Calcabrini

Recensione Film,

L'incredibile storia di Winter il delfino

Un dolore lancinante, una menomazione fisica e una ferita dell'anima talmente profonda da non poter essere alleviata con una misera speranza di sopravvivenza: l

28181-.jpeg

Un dolore lancinante, una menomazione fisica e una ferita dell'anima talmente profonda da non poter essere alleviata con una misera speranza di sopravvivenza: la disavventura di Winter, il delfino ritrovato ferito, sanguinante e completamente immobile sulle coste della laguna Mosquito, nell'ormai lontano 2005 scosse le coscienze di tutto il mondo. Affascinato dalla sua vicenda e intenzionato a realizzarne una trasposizione cinematografica, il regista Charles Martin Smith – noto al pubblico soprattutto per la sua performance ne Gli Intoccabili - firma L'incredibile storia di Winter il delfino, una pellicola intensa e commovente che, raccontando una storia vera, utilizza l'efficace 3D per coinvolgere gli spettatori sin dal primo fotogramma.


Clearwater, Florida. Un pescatore attende pazientemente che la preda abbocchi al suo amo quando, improvvisamente, si accorge che un delfino è rimasto incagliato in una trappola per granchi. Mentre l'uomo chiama in soccorso il ClearWater Marine Aquarium, il piccolo Sawyer Nelson (Natan Gambler) riesce a liberare l'animale e a guadagnarsi immediatamente la sua fiducia. Nonostante la riuscita dell'intervento medico, però, il delfino perde l'uso della coda e rischia di morire. Soltanto la determinazione e la forza di volontà del ragazzo convinceranno Winter a sopportare una protesi di silicone e ad accettare la sua deformità.


Un dramma esistenziale intimo e profondo danneggia il corpo di un delfino e ne dilania l'anima, lasciandone brandelli instabili e sconnessi. Winter, infatti, privato dell'unico arto indispensabile per il movimento, sentendosi nient'altro che un relitto, perde la gioia di vivere e decide di lasciarsi morire. Quando Sawyer, però, si dedica completamente alla sua riabilitazione, l’animale trova una nuova ragione di vita, lotta strenuamente contro il destino avverso e sfida le naturali leggi della fisica. Winter riesce ad accettare la propria imperfezione e a trasformarla nel suo punto di forza, rivelandosi una vera e propria icona della diversità, una paladina dell'accettazione sociale e culturale, il simbolo eterno della speranza. Scegliendo di adottare un narratore esterno ma onnisciente, gli sceneggiatori Karen Janszen (I passi dell’amore) e Noam Dromi confezionano una narrazione intensa e drammatica che, scevra da ogni forma di patetismo e retorica, adotta un tono favolistico seppur militante. La calda fotografia di Karl Walter Lindenlaub (Indipendence Day), inoltre, sposa perfettamente le musiche enfatiche di Mark Isham, rendendo ogni fotogramma una colorata pagina di romanzo. L'incredibile storia di Winter il delfino, dunque, si rivela subito una storia di amore, di crescita e di accettazione che tocca gli spettatori nel profondo.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio