photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Tokyo Fiancée

15/11/2014 11:00

Erika Pomella

Recensione Film,

Tokyo Fiancée

Amélie (Pauline Etienne) è una ragazza con un unico, grande amore: il Giappone...

29091-.jpeg

Amélie (Pauline Etienne) è una ragazza con un unico, grande amore: il Giappone. Di origine belga, la giovane riesce a realizzare il suo sogno quando si trasferisce a Tokyo, dove si mantiene dando lezioni di francese. Proprio grazie a questo lavoro part-time conosce Rinri (Taichi Inoue), un ragazzo di famiglia benestante con il quale le lezioni di lingua si trasformano ben presto in un’amicizia che strizza l’occhio all’amore.


Presentato in anteprima nella sezione Alice della Città, all’interno della cornice del nono Festival del Cinema di Roma, Tokyo Fiancée è la trasposizione cinematografica del romanzo autobiografico Né di Eva né di Adamo della scrittrice Amélie Nothom. Il nome della protagonista sembra essere un’eredità scomoda da portare in ambito cinematografico, dal momento che lo spettatore crea immediatamente un collegamento con l’indimenticabile Amélie di Jean-Pierre Jeunet. A ben guardare, questa Amélie belga tratteggiata dalla regia di Stefan Liberski, ha qualche elemento in comune con la sua omonima parigina: c’è, in lei, una sorta di distacco dalla realtà, un tentare di perdersi in un mondo evanescente e fortemente onirico. Amélie occupa una dimensione spazio-temporale che appartiene a lei e ai suoi sogni e che risponde a regole del tutto opposte a quelle del mondo condiviso dagli esseri umani. Un universo stra-ordinario che si crepa solo quel poco che serve a far sì che possa entrarvi Rinri - giapponese innamorato della cultura francese - che scivola nelle spire di una lingua sconosciuta allo stesso modo in cui si insinua nella vita della protagonista. La prima parte del film di Liberski, incentrata soprattutto sul collidere di questi due mondi diametralmente opposti, è quella che funziona maggiormente. Amélie fa amicizia, si innamora, sogna scenari al limite del grottesco e - cosa assai più importante - diverte lo spettatore. La storia d’amore che nasce come un bocciolo delicato è sognante e delirante, con piccoli sketch partoriti direttamente dall'immaginazione esagerata della protagonista.


La scelta stilistica di costruire una diegesi quasi fumettistica intorno alla crescita emotiva di Amélie risulta efficace durante i primi quaranta minuti di visione ma dopo, comincia a stridere con una serietà di fondo e un filosofeggiare che finiscono per contagiare l’anima stessa della pellicola, rendendola qualcosa di indefinito. Da questo punto in poi, infatti, Tokyo Fiancée rinuncia alla spensieratezza, al pop e al surreale, scegliendo di concentrarsi piuttosto su un malessere spirituale che non ha ragione di esistere. Da qui, la pellicola mostra tutte le proprie crepe, perdendo l’interesse dello spettatore in una sorta di pesantezza diffusa che si spezza solo quando la parola fine appare a dare sollievo a una fruizione quasi forzata.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio