photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Peace to Us in Our Dreams

17/06/2015 11:00

Riccardo Tanco

Recensione Film,

Peace to Us in Our Dreams

Un uomo (Sharunas Bartas) si trasferisce nella propria casa di campagna insieme alla nuova compagna (Lora Kmeliaauskaite) e alla figlia (Ina Marjia Bartaite)...

32021-.jpeg

Un uomo (Sharunas Bartas) si trasferisce nella propria casa di campagna insieme alla nuova compagna (Lora Kmeliaauskaite) e alla figlia (Ina Marjia Bartaite). In mezzo alla quiete della natura, i tre si trovano ad affrontare i loro problemi: il padre non riesce a costruire un rapporto sereno con la fidanzata, mentre lei, violinista, fatica a congiungere la musica con la vita di coppia. Infine la figlia soffre ancora per la scomparsa della madre.


Presentato al 68° Festival di Cannes nella sezione Quinzaine des Realisateurs, Peace to Us in Our Dreams è l'ottavo film del regista lituano Sharunas Bartas, che continua con un cinema dal potere evocativo e dalla narrazione scarna. Un racconto di formazione, un film in levare sulla riscoperta di se stessi e della propria interiorità. Immerso in una messa in scena essenziale, che muove poco la macchina da presa, Bartas si affida all'atmosfera di una natura presente e affascinante ma indifferente al destino dei personaggi: i tre protagonisti soffrono ognuno per conto loro, senza quasi mai incontrarsi, prede di una personale crisi esistenziale. Se la giovane figlia, ancora turbata per la scomparsa della madre e nell'incapacità dell'elaborazione del lutto, guarda come miglior speranza al futuro all'amicizia con un coetaneo, gli adulti di Bartas affogano ben presto. Il padre (interpretato dallo stesso regista), soppresso da noia e da un dolore muto, è una figura consapevole della propria inadeguatezza e si riserva il ruolo di saggio consigliere per le due donne che lo accompagnano.


Peace to Us in Our Dreams è un dramma dell'animo che cerca nel tono e nei contenuti la soluzione più difficile. Forse è questo il suo problema più ampio, oltre a una riconosciuta complessità nei personaggi e nelle tematiche: Bartas si perde in un film pensoso oltremodo, che rischia di parlarsi addosso con dissertazioni filosofiche sull'uomo, poco accompagnate da uno sguardo vero e sincero. Un film che non si abbandona mai alla leggerezza di tocco o al non detto, esplicito in tutto ciò che afferma, una sorta di saggio filmato che tenta ambiziosamente di raccontare i veleni dell'anima con troppe domande e altrettante risposte che rischiano di allontanare. Con un finale che prova la strada della semplicità dopo un percorso filmico che ha fatto poco per costruirsela.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio