photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

La bella gente

14/09/2015 11:00

Riccardo Tanco

Recensione Film,

La bella gente

Alfredo (Antonio Catania) e Susanna (Monica Guerritore) sono una coppia di cinquantenni, sposati, in vacanza nel loro casolare in Toscana...

32651-.jpeg

Alfredo (Antonio Catania) e Susanna (Monica Guerritore) sono una coppia di cinquantenni, sposati, in vacanza nel loro casolare in Toscana. Susanna decide di accogliere in casa Nadja (Victoria Larchenko), una giovane prostituta a cui si affeziona. Nonostante le ritrosie iniziali la coppia si prodiga nel trovare un posto migliore per la giovane.


La bella gente è il secondo film datato 2009 del regista Ivano De Matteo, che approda al cinema dopo sei anni di ritardo. Dopo l'esordio nel 2002 con il film Ultimo Stadio, La bella gente è l'inizio di un percorso che il regista romano compie nel racconto sociale virato al dramma, prerogativa dei suoi lavori successivi come Gli equilibristi del 2012 e I nostri ragazzi del 2014. Nel ritrarre la storia di Alfredo e Susanna, De Matteo non si nasconde e pone subito l'opera come una questione morale per i personaggi e come sottotesto per la loro rappresentazione: una coppia con un passato da progressisti, che ora si trovano benestanti e - appunto - appartenenti alla cosiddetta nuova classe borghese.


Fin da subito De Matteo mette in chiaro in maniera, forse eccessivamente perentoria, dove vuole andare col suo film e che messaggio vuole trasmettere. Perché La bella gente è a scanso di equivoci, un atto di accusa calcolato e manipolato contro quell'ipocrisia di facciata che prima si atteggia a persone di cuore e di coscienza per poi rivelare un'inconsistenza di ideali e di mancanza di senso di colpa verso le situazioni. Questo racconta La bella gente: dell'anima oscura della nuova borghesia, chiamata in causa quando la giovane prima salvata si innamora del figlio della coppia ricambiata e quindi capace di scardinare l'apparenza. Il problema non è tanto se il racconto a tesi di De Matteo possa essere giusto o condivisibile (e non lo è in qualsiasi modo), anche se questo tipo di cinema così smaccatamente accusatorio è quasi sempre deleterio, ma è la messa in scena superficiale di una società e l'ambizione di narrarla con così poco tatto cinematografico e con così tanta retorica a sorprendere in negativo. Segnali di un cinema greve e rozzo che De Matteo dimostrerà anche più avanti.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio