photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Il caso Spotlight (2015): la recensione del film Premio Oscar di Tom McCarthy

28/09/2015 11:00

Riccardo Tanco

Recensione Film, Rachel McAdams, Michael Keaton, Tom McCarthy, Film Inchiesta, Mark Ruffalo,

Il caso Spotlight (2015): la recensione del film Premio Oscar di Tom McCarthy

Nei primi anni 2000 il team “Spotlight” inizia a indagare sulla pedofilia nella chiesa di Boston

Presentato fuori concorso alla 72° Mostra del Cinema di Venezia, Spotlight è il quinto film dell'attore e regista Tom McCarthy, celebre per la sua opera prima, datata 2003, The Station Agent e per il sorprendente e poco considerato L'ospite inatteso. Dopo recenti prove non totalmente riuscite come l'indipendente Mosse vincenti e il deludente The Cobbler (uscito nel 2014 e ancora inedito in Italia), McCarthy prova a rilanciarsi raccontando la storia vera dell'indagine di un gruppo di giornalisti del Boston Globe che portò allo svelamento di uno scandalo di pedofilia che coinvolgeva l'intera chiesa di Boston.

spotlight-poster-1605532916.jpg

Nei primi anni 2000 il team “Spotlight”, composto da alcuni giornalisti del Boston Globe, inizia a indagare in merito ad accuse di pedofilia su minori da parte dei preti della chiesa cattolica di Boston. Con il proseguo dell'inchiesta emergeranno verità scomode e l'ostruzionismo dell'istituzione religiosa.

Accolto con grandi applausi e critiche entusiaste al Festival di Venezia, dove molti l'hanno considerato il miglior film della rassegna, Spotlight riprende con mestiere e precisione quella celebre tradizione del cinema americano di stampo classico, sfruttando il genere drammatico con un'anima civile e d'inchiesta.

 

E infatti McCarthy, pur con le dovute proporzioni, guarda a quei film della New Hollywood degli anni '70, uno su tutti il capolavoro di Alan J.Pakula Tutti gli uomini del presidente, dove l'importanza del giornalismo (e non solo) e sua rappresentazione cinematografica venivano filmati a meglio. Certamente Spotlight ha qualcosa in più di un altro film recente, che si avvicinava al cinema civile e d'accusa, come La regola del gioco: perché McCarthy forse non ancora un autore completo, ma sa come e dove mettere la macchina da presa; si affida a una messa in scena raffinata e senza fronzoli e si abbandona a una sceneggiatura scritta con altrettanta precisione, anche se difettosa in qualche didascalismo di troppo e priva di veri e propri cambi di ritmo. Ma soprattutto McCarthy ha dalla sua parte un cast di attori notevole (Michael Keaton, Rachel McAdams, Mark Ruffalo, Stanley Tucci), al servizio della storia e dei personaggi.

spotlight-1605532909.jpg

La cosa migliore di Spotlight è che si tratta di un film in cui la propria scrittura si basa sui fatti e quasi mai sulle opinioni. McCarthy è abile a non giudicare ciò che narra e lascia che sia l'ossessione tutta positiva per la verità dei suoi personaggi a emergere con più forza rispetto al resto. Ma seppur con meriti, Spotlight ha nei suoi pregi anche il difetto maggiore: un'opera che fatica a sorprendere, che mette sul piatto quasi subito tutto quello che ha da offrire senza però osare per davvero e generare la forza di sguardo del cinema del passato. Spotlight, nella compostezza degli elementi filmici di base, che dà l'impressione di un compito cinematografico perfettamente svolto e senza errori, rimane paradossalmente bloccato, senza elevarsi a qualcosa di più.


ilcasospotlightlocandina-1605532899.jpg

Genere: drammatico, thriller

Titolo originale: Spotlight

Paese/Anno: USA, 2015

Regia: Thomas McCarthy

Sceneggiatura: Josh Singer, Thomas McCarthy

Fotografia: Masanobu Takayanagi

Montaggio: Tom McArdle

Interpreti: Mark Ruffalo, Michael Keaton, Neal Huff, Patty Ross, Paul Guilfoyle, Rachel McAdams, Shawn Contois, Stanley Tucci, Stefanie Drummond, Billy Crudup, Brian d'Arcy James, Dallas Peplow, Elena Juatco, Emilie Paquet, Faith Fay, Jamey Sheridan, John Slattery, Lana Antonova, Len Cariou, Liev Schreiber

Colonna sonora: Howard Shore

Produzione: Anonymous Content, Participant Media, Rocklin / Faust

Distribuzione: Bim Distribuzione

Durata: 123'

Data di uscita: 18/02/2016


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio