photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Io e Lei

30/09/2015 11:00

Caterina Bogno

Recensione Film,

Io e Lei

«I need someone to take some joy in something I do» cantano i Belle and Sebastian in I’m Waking Up To Us, la canzone che fa da sottofondo al trailer di Io e lei

32891-.jpeg

«I need someone to take some joy in something I do» cantano i Belle and Sebastian in I’m Waking Up To Us, la canzone che fa da sottofondo al trailer di Io e lei, al cinema a partire dal primo ottobre. È proprio questo «someone» che Federica – architetto ex-moglie e madre alla prima esperienza omosessuale – ha trovato in Marina, ex-attrice proprietaria di un ristorante, lesbica da sempre. Il quinto lavoro di Maria Sole Tognazzi racconta l’amore tra queste donne mature in apparenza così diverse l’una dall’altra: introversa e insicura la prima, vitale e ironica la seconda. Nei panni delle protagoniste Margherita Buy (che Tognazzi ha già diretto nel precedente Viaggio sola (2012)) e Sabrina Ferilli. E non è certo difficile immaginare chi tra di loro interpreti chi. Se la Buy dà corpo a un personaggio che sembra cucito apposta su di lei, a cui siamo ormai più che abituati da parecchio tempo a questa parte, la Ferilli in veste saffica sorprende, convince e diverte, mostrandosi all’altezza tanto dei momenti più delicati e toccanti quanto di quelli più leggeri, durante i quali fa sorridere il pubblico con quei suoi modi da romana “verace”.


Io e lei è la storia di una coppia come tutte le altre: da una parte la routine delle cenette casalinghe, delle serie TV (Top of the Lake, ndr) seguite in coppia, delle fughe fuori città per il fine settimana… e dall’altra lo sforzo di non cedere il passo al dubbio e all’incomunicabilità. Con questo film Maria Sole Tognazzi affronta un tema esplorato non certo frequentemente dal cinema italiano come quello dell’omosessualità femminile e lo fa, in particolare, con un preciso intento politico: raccontare, spingendola ai limiti della banalità, la normalità della vita di una coppia gay per sostenere l’eguale statuto di tutti gli amori e, dunque, la necessità di equiparare i diritti dei quali qualsiasi unione – eterosessuale o omosessuale che sia – deve avere la possibilità di godere. Per questa ragione la regista firma quella che a tutti gli effetti può essere definita una commedia “omosentimentale”, che pone l’accento sul sentimento e sulle dinamiche della psiche piuttosto che sugli aspetti conturbanti della sessualità. Più I ragazzi stanno bene (L. Cholodenko, 2010) che La vita di Adele (A. Kechiche, 2013) per intenderci. Se forse l’impeccabilità degli interni borghesi, gli abiti sempre stilosi indossati dalle due protagoniste e l’immancabile lieto fine ci fanno storcere un po’ il naso, Io e lei resta un film importante, necessario in un paese come il nostro che ha ancora tanta strada da fare sul fronte della parità dei diritti civili.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio