photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

L'esorcista (1973), di William Friedkin: a pietra miliare del cinema dell’orrore

20/07/2009 11:00

Marco D'Amato

Recensione Film, Podcast LPNT, Film Horror, Film USA, William Friedkin , William Peter Blatty, Linda Blair, esorcismi,

L'esorcista (1973), di William Friedkin: a pietra miliare del cinema dell’orrore

Se chiedete a qualcuno di citarvi il titolo del primo film horror che gli viene in mente, è probabile che vi dirà L'Esorcista

Se chiedete a qualcuno di citarvi il titolo del primo film horror che gli viene in mente, è estremamente probabile che vi risponderà, senza alcuna esitazione, L’Esorcista. Il motivo è piuttosto semplice: nell’ala oscura del cinema non c’è stata un’altra pellicola che abbia avuto un effetto così dirompente sugli spettatori e un’influenza così incisiva sulle produzioni successive come quella di William Friedkin.

lesorcista-recensione-1.png

È il 1973 e finalmente il genere splatter esce dai sottocircuiti in cui era relegato e approda in una produzione di alto livello che beneficia oltretutto di una distribuzione capillare in quasi tutto il mondo. Il successo è clamoroso, così come impressionante è l’impatto sul pubblico dell’epoca: chi c’era ricorda ancora le ambulanze pronte fuori dalle sale.

lesorcista-recensione-7.jpeg

La dodicenne Regan MacNeil (Linda Blair), da ragazzina dolce e mite, diventa di colpo ferocemente aggressiva, violenta e blasfema, e la madre (Ellen Burstyn) la affida alle cure di alcuni psichiatri. Constatato il fallimento della medicina, si rivolge al prete del luogo: Damien Karras (Jason Miller) per cercare conforto nella religione.

Il giovane gesuita riesce a mettersi in contatto con l’anziano esorcista Lancaster Merrin (Max Von Sydow), pallido e debole ma spiritualmente indomabile, con il quale si troverà a combattere una battaglia mortale contro il demonio che possiede Regan.

lesorcista-recensione-2.jpeg

Tratto dall’omonimo bestseller di William Peter Blatty, co-responsabile di una sceneggiatura da Premio Oscar, L'Esorcista rimane una pietra miliare del cinema dell’orrore che ha nel volto deturpato e ghignante di Linda Blair una delle sue icone assolute.

 

 

La sua interpretazione fu così potente e convincente che diventò per lei una specie di maledizione, un marchio da cui fu impossibile liberarsi, qualcosa di molto simile a quanto era accaduto ad Anthony Perkins dopo Psycho.

 

Confinata in piccole produzioni televisive e spettacoli teatrali, troverà il modo di prendersi gioco di se stessa e della sua immagine cristallizzata di eterna indemoniata con l’ultrademenziale ma divertentissimo Riposseduta.

lesorcista-recensione-4.jpeg

Più che nella trama in sé, la forza del film sta nel fortissimo impulso dato al verismo di trucchi, make up ed effetti speciali: prima de L’Esorcista non si era mai visto nulla di simile sotto questo aspetto. Il lavoro di Dick Smith sul volto di Regan ha un effetto ancora oggi assolutamente impressionante e Marcel Vercoutere stupisce gli spettatori dell’epoca e li terrorizza mostrando loro qualcosa di assolutamente nuovo, come la levitazione di Regan e la sua camminata “a ragno” sulle scale (visibile nella versione integrale uscita nel 2000).

 

L'Esorcista è il film protagonista del 12esimo episodio di Le Parti Noiose Tagliate, il podcast di Silenzioinsala.com che racconta storie di cinema. Per ascoltarlo clicca qui sotto, oppure cerca LPNT sulle principali piattaforme (incluso Spotify).​

 

Fondamentale poi è il suono (premiato con l’Oscar): i rumori di sottofondo sono il segnale del passaggio dal mondo normale a quello sovrannaturale e contribuiscono in maniera decisiva ad aumentare la tensione.

 

Il film è stato visto da molti anche in chiave sociologica, come una sorta di ribellione, di sfogo verso la cultura repressiva e chiusa dell’epoca: sotto questa luce vanno lette le blasfemie e gli insulti con cui Regan risponde alle benedizioni di Padre Merrin o la famosa scena in cui la ragazzina interrompe il ricevimento della madre scendendo a urinare nel salone di casa. I due deboli sequel e un altrettanto fiacco prequel che hanno fatto seguito, non sono riusciti minimamente ad intaccare la forza ispiratrice di un vero e proprio spartiacque nella storia del cinema.


l-esorcista-i75296.jpeg

Genere: horror, religioso, thriller

Titolo originale: The Exorcist

Paese, anno: USA, 1973

Regia: William Friedkin

Sceneggiatura: William Peter Blatty

Fotografia: Billy Williams, Owen Roizman

Montaggio: Bud Smith, Evan A. Lottman, Norman Gay

Interpreti: Arthur Storch,  Max von Sydow, Barton Heyman, Ellen Burstyn, Gina Petrushka, Jack MacGowran, Jason Miller, John Mahon, Kitty Winn, Lee J. Cobb, Linda Blair, Peter Masterson, Robert Symonds, Ron Faber, Rudolf Schündler, Thomas Bermingham, Titos Vandis, Vasiliki Maliaros, Wallace Rooney, William O'Malley

Colonna sonora: Jack Nitzsche, Mike Oldfield, Steve Boedekker

Produzione: Hoya Productions, Warner Bros.

Durata: 132'


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio