photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

La maglietta rossa - La sfida di Panatta

30/10/2009 12:00

Marco Etnasi

Recensione Film,

La maglietta rossa - La sfida di Panatta

Un gesto piccolo, irrilevante, irresponsabilmente infimo se paragonato alla tragica enormità della dittatura Cilena, una delle più cruente e sanguinose della st

5781-.jpeg

Un gesto piccolo, irrilevante, irresponsabilmente infimo se paragonato alla tragica enormità della dittatura Cilena, una delle più cruente e sanguinose della storia dell’umanità, un gesto che è stato tutto tranne che insignificante, frutto di coraggio, audacia e irriverenza, che ha fatto parlare tutto il mondo e che ha trovato nell’eleganza del tennis la nota giusta per far calmare gli animi di un’Italia in ebollizione. Mimmo Calopresti torna, dopo 33 anni, a parlare della meravigliosa scelta di Adriano Panatta di indossare, per la finale di Coppa Davis giocata nel Cile dilaniato dalle spiccate attitudini dittatoriali del generale Pinochet, una maglietta rossa in segno di protesta contro il golpe che tre anni prima aveva rubato la vita ed il potere di Salvador Allende e che proprio in quello stadio aveva messo sistematicamente a tacere più di duemila oppositori.


La bravura di Calopresti sta nel non focalizzare l’attenzione solamente sulla contestatissima partecipazione italiana alla finale di Santiago del Cile, ma nell’alternare, attraverso un sapiente montaggio, le immagini di quell'evento a monologhi ed interviste dello stesso Panatta sull’essenza stessa del tennis come sport semplicemente elaborato ed innegabilmente elegante. Cosi il documentario sposta la mira dello spettatore dal famoso slogan “Pinochet sanguinario, Panatta milionario” alle appassionanti rivelazioni di Adriano Panatta sul personale significato del tennis, sulle divertentissime partite tra il campione e Paolo Villaggio, Ugo Tognazzi o Vittorio Gassman, creando cosi un ideale percorso che parte dall’infanzia di Panatta ed arriva nello stadio di Santiago del Cile. Insomma un docu-film costruito e legato senza sbavature, che ha il merito di parlare di un argomento che ha appassionato ed animato milioni di italiani e che ha trovato nella romantica eleganza dello sport il punto di contatto tra tutte le correnti di pensiero dell’epoca e odierno.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio