photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno

07/11/2009 12:00

Danilo Cristaldi

Recensione Film,

Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno

Charlie trascorre la sua vita nel quartiere di Little Italy a New York...

5841-.jpeg

Charlie trascorre la sua vita nel quartiere di Little Italy a New York. Tra mille problemi (uno zio mafioso, l’ambizione di diventare qualcuno, la salvaguardia del suo mattocchio amico Johnny Boy e la difficile relazione con sua cugina ) si interroga sui dilemmi dell’esistenza e i misteri dell’umana sofferenza. Scorsese descrive, con ammirevole puntiglio da antropologo, la tormentata vita di un quartiere affollato da personaggi nevrotici, ambiziosi, estremi. L’asse portante della narrazione è affidato a Charlie (Harvey Keitel), piccolo gangster eternamente in conflitto con la propria coscienza umana e religiosa, smanioso di scoprire una maniera con la quale pagare i suoi “debiti”.


È un film ruvido, affidato molto alle improvvisazioni degli interpreti e alla loro poliedricità. Indaga sull’esistenza di Dio, alternando spensierati momenti di umorismo a fulminee sequenze di violenza (memorabile la rissa in un biliardo) degne del futuro Scorsese. Più che la storia contano i personaggi, i loro rapporti, le invidie, i soprusi, la violenza, il denaro. E la morte costantemente dietro l’angolo. Non ha la pretesa di dimostrare, mostra soltanto. Anche la narrazione non ha un preciso processo evolutivo, è solamente affidata ad un corso di eventi che rientrano nella quotidianità di un luogo costantemente in movimento, quasi fisico. L’atmosfera è mirabilmente resa dalla sgranata fotografia di Kent Wakeford e da un montaggio (Sid Levin) ora sperimentale, ora classico. Grande squadra di attori, le facce giuste per quello che merita un posto d’onore nella classifica dei gangster movie scorsesiani.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio