photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Le code a changé

13/02/2010 11:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film,

Le code a changé

Non è difficile immaginare i brainstorming - ma già che ci troviamo nel nuovo millennio ci viene anche facile pensare a computer superintelligenti che lavorano

6751-.png

Non è difficile immaginare i brainstorming - ma già che ci troviamo nel nuovo millennio ci viene anche facile pensare a computer superintelligenti che lavorano con un numero (minimo) di variabili - che stanno alla base della produzione film come Le code a changé. Il nuovo film di Danièle Thompson tradisce subito le sue velleità da film di successo, per non dire la sua intima natura da prodotto di facile consumo.


Le variabili, quindi, vengono pressoché risolte: con un casting che si preoccupi di reclutare la supposta crème del cinema transalpino (Dany Boon, Emmanuelle Seigner, Pierre Arditi) e la solita Parigi da cartolina per un perfetto look internazionale, al quale possiamo anche aggiungere l'ingaggio del nostro Nicola Piovani per la colonna sonora. Il contenuto, come si conviene, è anonimo e calcolato, fatto di dialoghi e situazioni simpaticamente convenzionali. I pochi guizzi di supposta originalità rischiano peraltro di spiazzare chi guarda; basta pensare agli inopportuni sbalzi temporali, oppure a come certi spunti (il rapporto dei vari personaggi con il caso e la malattia) vengano pressoché dribblati risolti con una banalità che risulta meno conciliante del dovuto.


La regista, che scrive il film assieme al figlio Christopher, cerca quindi di emulare lo stereotipo del film francese; sarà anche per questo legarsi a simili concetti precostituiti che Le code a changé sembra un film visto e rivisto, intrigante nel profumo ma pressoché inesistente nella sostanza. Alla Thompson ci sentiamo di consigliare, piuttosto, di approfondire meglio la cinematografia del di lei padre Gérard Oury, che riusciva, con materiali di partenza nemmeno così diversi, a creare un cinema magari non poetico ma sicuramente ben più sincero e, in ultima istanza, godibile.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio