photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

L'infernale Quinlan

21/03/2010 12:00

Danilo Cristaldi

Recensione Film,

L'infernale Quinlan

Divergenze professionali tra due poliziotti di stampo opposto entrano in collisione: Vargas (Charlton Heston), messicano della Commissione panamericana antidrog

7211-.jpeg

Divergenze professionali tra due poliziotti di stampo opposto entrano in collisione: Vargas (Charlton Heston), messicano della Commissione panamericana antidroga, e Jack Quinlan, americano dalla dubbia moralità, sospettato di usare la legge a modo suo. Durante il viaggio di nozze del primo insieme alla moglie, succederà di tutto: minacce, colluttazioni, sospetti. E il sottile confine tra il bene e il male unito al dilemma “Il fine giustifica i mezzi”?


Liberamente tratto da un romanzo di Whit Masterson e scritto dallo stesso Orson Welles, L’infernale Quinlan è un eccellente film nero al di fuori della norma. Nella trasgressione degli schemi di questa insolita pellicola sono coinvolti numerosi elementi: atmosfera, narrazione, disegno dei personaggi, taglio visivo. Welles li usa tutti con una saggezza magistrale. Nel dirigere la sua nona pellicola va alla ricerca dell’originale e del barocchismo più esaltante, qualità che in passato lo fecero emergere come un prosecutore dell’espressionismo tedesco. L’estro visivo è il motore del film, l’atmosfera è il carburante. La straordinaria fotografia di Russel Metty immerge lo spettatore negli ombrosi e malfamati quartieri messicani, riunendo in un solo colpo tradizione hollywoodiana e originalità d’autore. Nella sceneggiatura e nella scelta degli attori infatti (con Charlton Heston imposto a Welles dalla produzione), il film è in linea con l’ottica di Hollywood (sempre attenta al botteghino), ma analizzandone la struttura stilistica e il suo aspetto estetico Welles tiene d’occhio la lezione del cinema tedesco, aggiungendovi il suo brio visivo e allucinato. Il film è anche una vera e propria tragedia shakespeariana, con Quinlan protagonista di un intreccio elisabettiano trasportato negli anni ’50. Nel dipingere il suo personaggio però, Welles inietta una dose di malvagità che in molte occasioni viene quasi giustificata, fondendo l’uso errato della giustizia nella sua applicazione razionale.


Sesso, droga (tema anomalo per quegli anni), criminalità, corruzione, omicidio, tradimento, vendetta: è una discesa all’inferno. In Ed Wood di Burton viene ricordata la perplessità che Welles mostrò riguardo la scelta di Charlton Heston per interpretare la parte di un messicano, ma l’attore americano se la cava, insieme ad un gruppo di attori formidabili per aderenza ai personaggi e calcolata misura di recitazione, prima fra tutti Marlene Dietrich nei panni di una chiromante che legge il futuro. È l’ultimo film hollywoodiano di Welles, dopo i due precedenti diretti in Europa. Peccato.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio